Carabiniere ucciso, il collega casertano operato d'urgenza

Estratto il proiettile dopo un peggioramento del quadro radiologico

L'auto sulla quale viaggiavano i due carabinieri

Il carabiniere ferito sabato a Cagnano Varano, in provincia di Foggia, nella sparatoria che ha portato alla morte del maresciallo Vincenzo Di Gennaro, è stato sottoposto questo pomeriggio a un intervento chirurgico terminato alle 18.25 ed eseguito dalla dottoressa Francesca Bazzocchi, primario del reparto di Chirurgia Addominale dell'Ospedale 'Casa Sollievo della Sofferenza' di San Giovanni Rotondo. Ne dà notizia l'Arma.

L'operazione su Pasquale Casertano, originario di Caserta, ha consentito l'estrazione del proiettile da cui il militare era stato raggiunto. Le motivazioni che hanno portato all'intervento immediato sono riconducibili ad un peggioramento del quadro radiologico. Le condizioni sono stazionarie e tra qualche giorno sarà possibile sciogliere la prognosi. I medici si sono espressi positivamente sulle sue condizioni. Casertano è stato trasferito nel Reparto di terapia intensiva, dove resterà per le prossime 48 ore in osservazione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento