Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

Oltre 400 testi citati tra Procura e difese. Nicola Schiavone e Raffaele Bidognetti chiamati da Buonanno in aula

Tra i testimoni della difesa anche Nicola Schiavone

Sono oltre 400 i testimoni nel maxi processo sulle infiltrazioni del clan dei Casalesi in Veneto e non mancano nomi eccellenti. Ai circa 300 testimoni citati dalla Procura si aggiungono quelli delle difese tra cui il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, prefetto a Venezia tra il 2010 e 2012, il governatore Luca Zaia, entrambi citati dai difensori del boss Luciano Donadio, o, ancora, Nicola Schiavone e Raffele Bidognetti, figli oggi pentiti dei capi Francesco Sandokan e Cicciotto 'e Mezzanotte, citati dalla difesa di Raffaele Buonanno, rappresentata dall'avvocato Giuseppe Brollo. 

Insomma, un processo che si preannuncia lungo e ricco di spunti interessanti. Il processo è iniziato nelle scorse settimane nell'aula bunker del tribunale di Venezia dinanzi al presidente Stefano Manduzio. Nel corso dell'ultima udienza sono stati escussi i testimoni di reato connesso che sono stati giudicati con abbreviato. Tra questi l'ex poliziotto Moreno Pasqual accusato di essere un informatore del boss Donadio; Fabrizio Formica che ha ammesso di aver emesso fatture false e di aver preso ad un'azione intimidatoria; ed Ennio Cescon, che si rivolse a Donadio per riscuotere un credito. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tornerà in aula a metà luglio per sentire altri tre coindagati: Puoti, Confuorto e Pizzo. Nel corso dell'udienza verrà conferito incarico ai periti che dovranno trascrivere un decennio di intercettazioni telefoniche ed ambientali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento