CAMORRA 65mila euro al mese dalle scommesse. "Zagaria pagava stipendi ai boss detenuti"

15mila euro a Sandokan e Bidognetti, 10 a Walterino: ecco le spese fisse del clan

Massimiliano Caterino ed Attilio Pellegrino

La mente imprenditoriale di Michele Zagaria ha permesso al clan dei Casalesi di riuscire ad avere sempre importanti entrate fisse senza dover per forza ricorrere alle minacce ed alle prove di forza. E’ quanto emerge dalle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia, molto vicini all’ultimo capoclan finito in manette, che hanno raccontato come il vero business della camorra casertana sia diventato, col passare degli anni, quello delle scommesse on line. 

“Fino a quando sono stato arrestato nel 2006 - ha raccontato alla Dda Massimiliano Caterino - il settore delle macchinette slot era gestito da Peppinotto Caterino, detto ‘tre bastoni’. Dopo la mia scarcerazione, avvenuta nel marzo 2009, seppi che la gestione era stata affidata a Nicola Schiavone e solo dopo il suo arresto avvenuto nel giugno 2010, ci fu un imprenditore che mi chiese di meditare con Michele Zagaria perché voleva confinarie a gestire la piattaforma. Io dissi che avrebbero dovuto versare 100mila euro, ma alla fine mediammo a 65mila euro mensili. Soldi che erano destinati al pagamenti degli stipendi per i detenuti al 41 bis”. 

La cassa del clan Zagaria era affidata alle mani di Attilio Pellegrino, anche lui poi diventato collaboratore di giustizia. “Nel luglio 2010 Zagaria mi convocò e dopo avermi fatto un regalo per consentirmi di andare in vacanza mi incaricò di prendere contatti con gli esponenti del clan Schiavone e Iovine che gestivano le medesime attività. Michele Zagaria aveva notato che le entrate per il suo clan erano diminuite per via del fatto che coloro i quali si occupavano di gestire l’intero settore pagano prioritariamente i loro affiliati ed in via residuale quelli del clan Zagaria. Quest’ultimo mi disse che era arrivato il momento di aumentare le entrate in quanto le spese degli stipendi erano superiori rispetto a quanto ci trasmettevano. Zagaria mi diede 35mila euro di tasca propria da utilizzare per gli stipendi, ma mi disse per il futuro che avrei dovuto reperire delle risorse autonomamente. In quella stessa occasione Zagaria decide di ridurre l’importo degli stipendi a tutti gli affiliati ad eccezione di Francesco Schiavone Sandokan a cui dava 15mila euro, Francesco Bidognetti (15mila euro), Walter Schiavone (10mila euro) e Giuseppe Caterino (5mila euro). A tutti gli altri assicurava uno stipendio di 2500 euro”.

Potrebbe interessarti

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Menopausa: ecco i consigli per viverla con serenità

I più letti della settimana

  • TERREMOTO Trema la terra nel casertano

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • Lutto a Caserta, muore avvocato

  • Camion 'casertano' si schianta in autostrada e perde il carico | LE FOTO

  • Scuola in lutto: morta una professoressa

  • Muore sul campo da calcetto stroncato da un malore

Torna su
CasertaNews è in caricamento