"Il pentito deve ritrattare", pressioni sull'avvocato: 3 condanne

Volevano spingere il fratello del boss a cambiare versione

Il pentito Domenico Bidognetti

Condannati per le pressioni all’avvocato del pentito dei Casalesi per far “ritrattare” le dichiarazioni accusatorie di Domenico Bidognetti. La Corte di Cassazione ha respinto i ricorsi presentati da Gaetano, Teresa e Cipriano Pagano, tutti di Casal di Principe, confermando dunque le condanne emesse dalla Corte d’Appello di Napoli per il reato di tentata violenza privata. I tre, secondo la ricostruzione della Procura, volevano indurre il difensore di Domenico Bidognetti, fratello del boss dei Casalesi Francesco detto Cicciotto e mezzanotte, a cambiare le dichiarazioni rese alla Dda.

Scrivono i giudici della Cassazione, nella sentenza resa nota pochi giorni fa: “Le condotte attribuite ai ricorrenti erano finalizzate ad interrompere il flusso dichiarativo di Domenico Bidognetti, dato che la collaborazione avrebbe potuto «portare a nuove incriminazioni con il rischio di decapitare in maniera pericolosa i vertici del clan dei Casalesi». L'obiettivo perseguito dagli imputati per i giudici di entrambi i gradi di merito era dunque quello di evitare nuove incriminazione e non quello, allegato dalla difesa, di evitare possibili ritorsioni nei confronti dei familiari”. E per i giudici della Cassazione non sussiste neanche la possibilità della prescrizione, essendo stato il reato gravato dall’aver favorito un’organizzazione mafiosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ucciso per un'offesa a Zagaria", il manoscritto di Schiavone finisce nel processo

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

  • Auto si schianta contro i Ponti della Valle, morto 48enne | FOTO

  • Tutor sull'Asse Mediano, giudice annulla la multa per cartelloni e limite di velocità

  • Vento forte, pericolo nel casertano: c’è l’allerta

Torna su
CasertaNews è in caricamento