Estorsione dei Casalesi per un debito non pagato: 6 condanne

Il giudice ha inflitto oltre 45 anni di carcere complessivi

Condannato anche il collaboratore di giustizia Attilio Pellegrino

Si rivolse ai Casalesi per riscuotere un debito. Per questo motivo il gip D'Auria del tribunale di Napoli ha inflitto 6 condanne ad altrettanti affiliati al clan, appartenenti alla fazione guidata da Michele Zagaria.

Il giudice all'esito del processo con rito abbreviato ha inflitto 10 anni a testa a Paolo Bianco, di Casal di Principe, e Giovanni Garofalo, di Casapesenna; 7 anni a Paolo Natale, di Macerata Campania; 9 anni e 4 mesi a Francesco Perna, di Santa Maria Capua Vetere; 9 anni a Tommaso Pirozzi, di Frignano; 6 mesi ad Attilio Pellegrino, collaboratore di giustizia difeso dall'avvocato Giuseppe Tessitore, in continuazione con un'altra sentenza. Nel collegio difensivo sono stati impegnati, inoltre, gli avvocati Pasquale Diana, Paolo Caterino ed Angelo Raucci.

Secondo quanto ricostruito dall'Antimafia la vittima dell'estorsione avrebbe ricevuto da un imprenditore (che ha scelto il rito ordinario) una fornitura di legno di scarsa qualità, tanto da essere obbligato a risarcire i suoi clienti. Per questo motivo si rifiutò di pagare la somma di 7500. Al rifiuto di saldare il pagamento della fornitura l'imprenditore si rivolse al clan dei Casalesi per riscuotere i suoi crediti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Colpo alle poste, i ladri ‘beffati’ dal direttore | FOTO

  • Poste Italiane cerca portalettere nel casertano, ma il tempo stringe

  • Irruzione dei banditi in un altro ufficio postale

  • Rapina all'ufficio postale: polizia e carabinieri circondano la zona | LE FOTO

  • Morta professoressa, studenti in lacrime

Torna su
CasertaNews è in caricamento