"Patto politico-mafioso", chiesti 10 anni di carcere per l'ex sindaco

Per il pm Fortunato Zagaria faceva parte del clan dei Casalesi. Invocati 5 anni per il boss Michele Zagaria

L'ex sindaco Fortunato Zagaria ed il boss dei Casalesi Michele Zagaria

"Fortunato Zagaria era partecipe al clan dei Casalesi". Così il pubblico ministero Maurizio Giordano della Dda che al termine della sua requisitoria ha invocato 10 anni di reclusione per l'ingegnere ex sindaco di Casapesenna e 5 anni per il capoclan dei Casalesi Michele Zagaria, per le minacce aggravate dal metodo mafioso ad un altro sindaco di Casapesenna, Giovanni Zara. Chiesta l'assoluzione per l'altro imputato, l'ex consigliere comunale Luigi Amato.

Nel corso della sua lunga requisitoria - pronunciata dinanzi al collegio presieduto dal giudice Francica del tribunale di Santa Maria Capua Vetere - il pm Giordano ha ripercorso l'intera vicenda partendo dalle dichiarazioni della parte offesa, l'ex sindaco Zara, "persona perbene e scevra da ambienti criminali", passando poi per le dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia che hanno sostenuto come il sindaco Fortunato Zagaria fosse espressione politica di Michele Zagaria e di qui producendo atti amministrativi che dimostrerebbero l'esistenza di un "patto politico - mafioso", tra Fortunato Zagaria ed il capoclan Michele Zagaria.

Per questo il pm, al termine della sua requisitoria, ha chiesto ai giudici di riqualificare il reato di concorso esterno in associazione di stampo mafioso piena, con l'ex sindaco di Casapesenna che avrebbe avuto un ruolo attivo nel sodalizio criminale guidato da Capastorta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento