Cartelloni pubblicitari dei Casalesi, resta in cella Iavarazzo

Confermata la misura cautelare per il cassiere del clan, suo fratello Francesco e per l'imprenditore Aprile. Michele lascia i domiciliari

L'inchiesta della Dia

Confermata la misura cautelare in carcere per Mario Iavarazzo, di Villa Literno. Confermati anche i domiciliari per l'imprenditore di San Marcellino Armando Aprile e l'obbligo di dimora per Francesco Iavarazzo così come l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Nicola Sabatino. Revoca degli arresti domiciliari per Michele Iavarazzo a cui è stato applicato l'obbligo di dimora nel comune di residenza, Sant'Antimo. Ordinanza annullata per i dipendenti del Jambo Giuseppe Lista e Lucia Grassia, per per Domenico Ferraro e Luigi Drappello, entrambi di Villa Literno.

È stata questa la decisione della decima sezione del tribunale del Riesame sugli indagati nell'ambito dell'inchiesta sul business dei cartelloni pubblicitari del clan dei Casalesi. Gli indagati rispondono a vario titolo alle accuse di concorrenza illecita, trasferimento fraudolento di valori e favoreggiamento personale, aggravati dall'aver favorito la fazione Schiavone-Russo del clan.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Fabio Della Corte, Carlo De Stavola, Massimo D'Errico, Raffaele Vanacore e Mario Griffo. Alla discussione al Riesame hanno partecipato anche i pubblici ministeri Vanorio ed Onorati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento