Innocente in cella per 20 mesi: "No al risarcimento"

La Cassazione rigetta il ricorso di un 51enne coinvolto nell'inchiesta sul business dell'ortofrutta targato Casalesi

E' stato detenuto in carcere

Un anno ed otto mesi chiuso in cella. Poi la sentenza di assoluzione sia in primo che in secondo grado. Ma per i giudici della Cassazione non ha diritto ad essere risarcito per i 20 mesi trascorsi nelle patrie galere.

A rigettare la richiesta di "riparazione" per ingiusta detenzione è stata la Quarta Sezione della Corte di Cassazione, presieduta dal giudice Giacomo Fumu, che ha ritenuto infondato il ricorso presentato da Andrea Montesanto, 51enne di Palermo, coinvolto nella maxi inchiesta sulla Paganese trasporti, che aveva svelato l'asse tra la Cosa Nostra ed il clan dei Casalesi per il monopolio del trasporto su gomma di prodotti ortofrutticoli in tutto il centro-sud Italia.

Al momento del blitz della Dia, il 10 maggio 2010, Montesanto venne arrestato e recluso fino al 27 gennaio 2012. Nel frattempo è stato assolto "per non aver commesso il fatto" sia in primo grado sia in Appello. Ma la sua condotta, per i giudici del Palazzaccio, è stata comunque "colposa" al punto da giustificare l'adozione ed il mantenimento della custodia cautelare.

Il giudice della riparazione, nel motivare il rigetto alla richiesta, ha ribadito le frequentazioni con persone legate agli ambienti malavitosi sottolineando la consapevolezza di Montesanto dell'appartenenza della ditta di autotrasporti La Paganese al clan dei Casalesi. Questioni che sono state confermate dalla Suprema Corte.

"Tali condotte - scrivono gli Ermellini - sono state puntualmente e diffusamente descritte nel provvedimento impugnato, in cui si è menzionata non solo la presenza del Montesanto alla violenta aggressione, a scopo intimidatorio, nei confronti di un autista dell'impresa La Paganese, desunta da intercettazioni di terzi, ma anche l'accompagnamento, da parte sua, di A.P. negli uffici della Paganese, risultante delle immagini del sistema di video-sorveglianza e la sua presenza ad alcune conversazione riservate da cui emergono le modalità illecite di conquista del mercato, da parte dei soggetti coinvolti. La decisione risulta, dunque, conforme all'orientamento della giurisprudenza dilegittimità secondo cui, in tema di riparazione per l'ingiusta detenzione, la condizione ostativa al riconoscimento del diritto all'indennizzo, rappresentata dall'avere il richiedente dato causa all'ingiusta carcerazione, può essere integrata anche da comportamenti extraprocessuali gravemente colposi quali le frequentazioni ambigue con soggetti gravati da specifici precedenti penali o coinvolti in traffici illeciti".

Per Montesanto oltre il danno c'è la beffa: è stato condannato al pagamento di 1000 euro per le spese processuali sostenute dal Ministero dell'Economia e delle Finanze che ha resistito in giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Pandora falsi venduti nel Tarì, scoperto il deposito: sequestrati 2860 gioielli

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Riesce a non pagare 10mila euro di pedaggio autostradale con un trucco

  • Latte dei Casalesi, i nipoti di Zagaria "gente di serie A, non munnezzaglia"

Torna su
CasertaNews è in caricamento