Il carabiniere Casertano ricorda il maresciallo ucciso: "Esempio umano e professionale"

Il militare uscito dalla terapia intensiva, il medico: "E' stato fortunato"

Il carabiniere Pasquale Casertano abita in via Patturelli

"Il mio primissimo pensiero va solo al collega, il maresciallo Vincenzo. L’ultima immagine che conservo è il suo sorriso". Così Pasquale Casertano, il carabiniere 26enne di Caserta ed in servizio nel foggiano da 2 anni, uscito ieri dalla terapia intensiva dell'ospedale di San Giovanni Rotondo dopo un'intervento chirurgico per rimuovere la pallottola che lo aveva ferito nella sparatoria in cui è rimasto ucciso il maresciallo Vincenzo Di Gennaro.

"Con lui si scherzava sempre - ha proseguito Casertano in una dichiarazione all'Ansa - era un fratello maggiore. È stato per me un punto di riferimento umano e professionale. Mi ha insegnato a sorridere sempre, anche nelle situazioni più complicate". 

Intanto le sue condizioni sembrano migliorare. "È stato un intervento complicato, è uscito ieri dalla terapia intensiva - ha detto il primario del Reparto di Chirurgia Addominale dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, Francesca Bazzocchi -  Le condizioni al momento sono stazionarie, però sicuramente sta meglio. E' stato veramente molto fortunato – ha precisato il medico – perché il proiettile si trovava in un crocicchio di vasi, cioè tra il pancreas l’aorta e la vena cava. Ripeto, è stato veramente tanto fortunato". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Bollo auto, quando pagarlo e come ottenere la riduzione nel 2020

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

  • Mazzette ai politici per gli appalti alla camorra, Zagaria è un fiume in piena

Torna su
CasertaNews è in caricamento