Nessuno sconto al ras degli Schiavone

Respinto il ricorso di Reccia sulla scarcerazione anticipata

Oreste Reccia

Nessuno sconto di pena per il ras dei Casalesi Oreste Reccia, 49 anni di San Cipriano d'Aversa. 

La Corte di Cassazione ha dichiarato l'inammissibilità del ricorso presentato da Reccia sul rigetto da parte del Magistrato di Sorveglianza di L'Aquila della sua domanda di riduzione della pena funzionale alla liberazione anticipata. 

Il ricorso, ad avviso degli Ermellini, è infondato per due motivi: in primis non sono stati presentati "motivi critici" alla decisione del magistrato di Sorveglianza, in secondo luogo l'istanza è stata presentata personalmente da Reccia che non ne ha il potere per effetto della riforma della giustizia entrata in vigore lo scorso anno.

Reccia, pertanto, è stato condannato al pagamento di una pena pecuniaria di 2000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

Torna su
CasertaNews è in caricamento