Sei condanne per le bombe dei Casalesi

La Corte d'Appello ha inflitto oltre 29 anni complessivi per i raid delle nuove leve del clan

Massimo Perrone

Cinque bombe. Era questo l'avvertimento delle nuove leve del clan dei Casalesi per costringere gli imprenditori a versare il pizzo alla nuova organizzazione facente capo alla fazione Bidognetti. Cinque ordigni fatti esplodere tra il dicembre 2016 e l'inizio di febbraio 2017 tra Parete e Giugliano in Campania all'esterno delle due sedi di un'agenzia di onoranze funebri, fuori un'agenzia immobiliare di Parete ed all'esterno della casa di un imprenditore. Il messaggio era sempre lo stesso: "dovete pagare".

Oggi, a distanza di due anni dagli attentati dinamitardi, è arrivata la parola fine in Corte d'Appello con la condanna dei 6 responsabili di quei raid. I giudici della Quarta Sezione della Corte Partenopea hanno inflitto 8 anni a Massimo Perrone; 7 anni e 4 mesi a testa per Emanuele Gatto e Vittorio Giarnieri; 4 anni e 8 mesi a Gaetano Celeste; 5 anni a Luigi Moschino e 2 anni e 4 mesi per Antimo Di Donato (gli ultimi due collaboratori di giustizia). 

I giudici napoletani hanno rideterminato le pene del primo grado concedendo uno sconto a tutti gli imputati. Nel collegio difensivo sono stati impegnati, tra gli altri, gli avvocati Giuseppe Tessitore e Mirella Baldascino


 

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Il casertano brucia di calore: temperature a 50 gradi

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • Schianto in autostrada: due km di coda

  • Tragedia in spiaggia, muore annegato davanti ai turisti

Torna su
CasertaNews è in caricamento