Bomba esplosa nell'incendio, ore di ansia per i feriti. Il sindaco: "Rischiano la vita ogni giorno"

Gli operai sono residenti a Piana di Monte Verna. Uno è in prognosi riservata

I feriti soccorsi con l'eliambulanza

Sono due operai di Piana di Monte Verna, operai della Comunità Montana del Monte Maggiore, i feriti del drammatico episodio accaduto nel pomeriggio nei boschi tra Rocchetta e Croce e Giano Vetusto, dove una bomba, molto probabilmente risalente alla Seconda Guerra Mondiale, è esplosa mentre i due ragazzi stavano cercando di domare un incendio scoppiato martedì pomeriggio.

Angelo Vecchiarelli ed Orfeo Matarazzo sono stati trasferiti, rispettivamente, all'ospedale di Caserta ed al Cardarelli di Napoli, dopo essere stati recuperati dai vigili del fuoco e dai soccorritori. Le condizioni più preoccupanti sono quelli di Matarazzo, che è stato ricoverato in prognosi riservata.

"Nelle prossime ore avremo notizie più certe in merito allo stato di salute di entrambi. - ha affermato il sindaco di Piana di Monte Verna Stefano Lombardi - Nel frattempo esprimo a nome mio e dell’intera Amministrazione Comunale di Piana di Monte Verna affetto e vicinanza alle famiglie e a tutta la Squadra Antincendio della Comunità’ Montana del Monte Maggiore coinvolta in questo sciagurato pomeriggio. Conosciamo bene i rischi di questo mestiere così come conosciamo l’estremo coraggio e il grandissimo senso di responsabilità di coloro che rischiano la propria vita ogni giorno per mettere in salvo quella degli altri. Sono certo che, da Pianesi veri, Angelo e Orfeo sapranno reagire e ritornare al più presto in piedi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

  • "Ucciso per un'offesa a Zagaria", il manoscritto di Schiavone finisce nel processo

  • Pistola in pugno rapinano automobilista del Rolex: caccia ai banditi

  • Vento forte, pericolo nel casertano: c’è l’allerta

Torna su
CasertaNews è in caricamento