Ferito durante il corteo anti Salvini: è un barman napoletano | FOTO

E’ stato colpito alla testa durante una carica delle forze dell’ordine

Il barman napoletano rimasto ferito durante il corteo anti Salvini

E’ un barman napoletano il ragazzo rimasto ferito alla testa nel corso delle tensioni di lunedì pomeriggio a Mondragone per la visita del leader della Lega Matteo Salvini. A svelare l’identità del ragazzo è stato Egidio Giordano, assessore alle Politiche sociali e alla Cultura della III Municipalità Stella-San Carlo di Napoli ed esponente di spicco del centro sociale Insurgencia. Con un post su Facebook Giordano ha fatto un parallelo tra uno dei manifestanti di ieri, Emanuele, e Matteo Salvini.

"Vi presento Emanuele e Matteo – ha scritto Giordano – Emanuele è un ragazzo di Miano, quartiere popolare della periferia nord di Napoli, cresciuto nei centri sociali e da sempre impegnato nelle lotte sociali della città, contro la devastazione ambientale e la camorra. Lavora come cameriere e barman ed è uno che non si è mai tirato indietro dinanzi alle ingiustizie. Ieri era a Mondragone insieme a tante e tanti per denunciare lo sciacallaggio politico della Lega che invece di rispondere del disastro sanitario Lombardo viene ad appiccare il fuoco in una situazione difficile come quelle delle palazzine ex Cirio, un luogo di povertà di italiani e stranieri, ricattabilità, caporalato, sfruttamento, schiavitù e perenne assenza dello Stato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’altro è Matteo. Figlio di un dirigente d’azienda. Dal ‘93 dirigente di partito, non ha mai lavorato un giorno della sua vita – va vanti l'assessore della Municipalità napoletana – Ha basato la sua carriera politica sull’odio prima verso i meridionali come Emanuele e poi verso i migranti. È il segretario di un partito che ha fatto sparire 49 milioni e che a maggio 2019 contava 38 procedimenti in corso per 72 imputati tra amministratori locali, militanti e politici. In Campania si sta per presentare alle regionali con il partito della famiglia Cesaro che non ha bisogno di ulteriori presentazioni. Ora ditemi voi chi è il figlio di papà amico della camorra...".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento