Auto di lusso rubate e rivendute in concessionaria, 5 rischiano il processo

Sono accusati di ricettazione. Targhe sostituite e telai contraffatti per non far identificare le vetture

Le auto erano rubate

Targhe sostituite e telai contraffatti su auto rubate che poi venivano rivendute presso una concessionaria di Giugliano in Campania o fittate in un autonoleggio di Casagiove. Per questo motivo, con l'accusa di ricettazione, 5 persone rischiano di finire sotto processo.

Il giudice per l'udienza preliminare De Bellis ha fissato l'udienza all'inizio di novembre. Dovranno comparire dinanzi al magistrato Rosa D'A., 34 anni di Villa Literno; Saverio M., 42 anni di Mondragone; Antonio V., 40 anni di Mondragone; Giuseppe R., 35 anni di Villa Literno; Silvio C., 50 anni di Maddaloni. 

Tutti sono accusati, a vario titolo, di ricettazione per aver commesso operazioni per ostacolare l'identificazione di alcune vetture, tra cui alcune anche di lusso, sostituendo le targhe e modificando il telaio. Le auto venivano poi o rivendute, presso una concessionaria di Giugliano in Campania, o fittate, presso un autonoleggio di Casagiove. Le auto erano tutte oggetto di furti, tra cui anche uno commesso in Germania. 

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Nello Sgambato, Angelo Raucci, Carlo De Stavola e Marco Ucciero. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Poligono di tiro sequestrato dai carabinieri | FOTO

  • Prima uscita pubblica dei renziani: ecco chi ci sarà a Caserta

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

Torna su
CasertaNews è in caricamento