Dall'agro aversano a Berlino per compiere la strage nel nome di Allah

Emergono retroscena inquietanti nell’inchiesta sul terrorismo

Emergono retroscena inquietati relativamente alle quattro persone arrestate dalla polizia tra Casal di Principe e Villa di Briano nell’ambito dell’inchiesta sul terrorismo islamico.

Ai tunisini Akram Baazaoui 32 anni, Mohamed Baazaoui, 52 anni, Dhiaddine Baazaoui, 29 anni, e il 30enne Rabie Baazaoui la procura di Roma contesta l'associazione per delinquere finalizzata alla falsificazione dei documenti e al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

L'OPERAZIONE ANTI TERRORISMO

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, sarebbero stati proprio loro a dare i documenti falsi grazie ai quali  Anis Amrì andò poi in Germania dove poi mise a segno l'attentato del mercato natalizio di Berlino. L’attentatore fu poi ucciso in una sparatoria in provincia di Milano dopo qualche giorno.

LA POLEMICA SULLA MOSCHEA

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento