Appalti pilotati nei Comuni, incarico per le trascrizioni delle intercettazioni

Sotto processo sindaci ed imprenditori accusati di turbativa d'asta

L'ex presidente della Provincia Angelo Di Costanzo

Ha preso il via ufficialmente il processo Assopigliatutto, che vede sotto processo, tra gli altri, l’ex presidente della Provincia di Caserta Angelo Di Costanzo. Questa mattina è stato dato l’incarico ai periti per le trascrizioni delle intercettazioni con contestuale rinvio a maggio. E’ questa di fatto la prima udienza che ha visto riuniti i due tronconi relativi all’inchiesta sulla turbativa d'asta per truccare le gare d'appalto per la raccolta rifiuti a Casagiove, Alvignano e Piedimonte Matese.

Il processo vede imputati, tra gli altri, Luigi Imperadore, 51 anni di Gioia Sannitica, patron della Termotetti; Francesco Raucci, 45 anni di Caserta; Antonella Tedesco, 39 anni di Gioia Sannitica, titolare della Termotetti; Vincenzo Cappello, 52 anni, ex sindaco di Piedimonte Matese; Pietro Terreri, 51 anni di Formia, ex dirigente del Comune di Piedimonte Matese; Gaetano Rauso, dirigente del Comune di Casagiove. E’ stata ammessa la costituzione di parte civile dell’associazione antimafia Caponnetto, oltre a quella dei comuni di Casagiove, Alvignano e Piedimonte Matese. Nel collegio difensivo ci sono gli avvocati Giuseppe Stellato, Vincenzo Iorio, Paolo Falco, Camillo Irace, Romolo Vignola ed Angelo Raucci.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento