Dipendenti assenteisti all'Agenzia delle Entrate: 7 ordinanze

I carabinieri hanno smascherato il sistema fraudolento dei dipendenti assenteisti

Questa mattina i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Caserta hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura sammaritana, a carico di 7 persone dipendenti del Reparto Ufficio Servizi di Pubblicità Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate di Caserta (articolazione della ex Agenzia del Territorio), nei cui confronti è stata applicata la misura dell'obbligo di presentarsi alla polizia per tre volte a settimana.

I REATI CONTESTATI

I delitti contestati per il reato di truffa aggravata continuata in concorso e di falsa attestazione della loro presenza in servizio attraverso l'impiego di modalità fraudolente La misura cautelare rappresenta l'epilogo di una complessa attività di indagine condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta e coordinata dalla Procura; infatti, le investigazioni hanno permesso di disvelare un radicato malcostume di assenteismo, diffuso presso l’ufficio pubblico di Caserta.

I DIPENDENTI ASSENTEISTI

È stato acquisito un consistente materiale probatorio fondante la misura adottata nei confronti dei 16 pubblici dipendenti infedeli (7 dei quali raggiunti dall'odierna misura), i quali si sarebbero allontanati indebitamente e ingiustificatamente dal posto di lavoro durante l'orario di servizio, omettendo di far risultare, mediante timbratura della scheda magnetica nell'apposito orologio segnatempo, il periodo di assenza. In particolare, è stato accertato che gli indagati, in concorso tra loro, provvedevano ad operare la timbratura della scheda magnetica per conto del dipendente assente sia per l'orario d'ingresso, sia per quello d'uscita.

L’ESPOSTO DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE

L'attività investigativa ha tratto origine dall'esposto presentato alla Procura dall'Agenzia dell'Entrate Direzione Centrale Audit e Sicurezza-Settore Compliance Entrate di Roma, con cui venivano riportate alcune segnalazioni, pervenute attraverso i canali Whistleblowing, in merito a condotte irregolari tenute dal responsabile e da molti colleghi del Servizio di pubblicità immobiliare di Santa Maria Capua Vetere.

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

I più letti della settimana

  • Un impero da 300 milioni di euro sequestrato all'imprenditore in odore di camorra

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Pentito non attendibile, dissequestrato l'impero milionario dell'imprenditore calzaturiero

  • Tragedia sulla provinciale: muore motociclista

  • Rolex e Pandora falsi, arrestato orafo del Tarì

  • 23 ARRESTI Marito e moglie a capo della banda, in casa trovati 163mila euro in contanti

Torna su
CasertaNews è in caricamento