Ottantenne arrestato dai Carabinieri per tentato omicidio

Prata Sannita - A conclusione di una intensa attività investigativa condotta dai Carabinieri di Prata Sannita e coordinata dalla Compagnia di Piedimonte Matese, questa mattina all'alba é stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio e porto...

20091129075548_Armasequestrata

A conclusione di una intensa attività investigativa condotta dai Carabinieri di Prata Sannita e coordinata dalla Compagnia di Piedimonte Matese, questa mattina all'alba é stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio e porto abusivo di armi, Luigi Nardolillo, ottantenne di Pratella. L'uomo nello scorso mese di ottobre, per futili motivi, armato di una roncola aggredì un suo vicino di proprietà, infermiere presso l'Ospedale Civile di Piedimonte Matese, provocandogli una grave lesione con amputazione dell'orecchio destro e una ferita alla mandibola, rischiando praticamente di ucciderlo. La vittima, che fu anche minacciata di morte, in un primo momento evitò di denunciare il ferimento. Ma le successive indagini avviate dai Carabinieri, giorno dopo giorno hanno portato alla luce l'intera vicenda. Una dettagliata informativa é finita così alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Stamani raccogliendo integralmente le risultanze investigative dei militari, il Giudice delle Indagini Preliminari ha emesso una ordinanza di custodia cautelare nei confronti del Nardolillo che é stato tratto in arresto dai Carabinieri nei pressi della sua abitazione. Per l'età e per la sua incensuratezza, l'Autorità Giudiziaria ha deciso di sottoporlo agli arresti domiciliari. Nel corso delle attività di indagine portate avanti dagli uomini della Stazione di Prata Sannita, sono finiti sotto sequestro la roncola utilizzata come arma per colpire la vittima e per motivi precauzionali un fucile regolarmente detenuto dall'aggressore.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento