44enne in manette per trasporto illecito di rifiuti speciali

Prata Sannita - Ancora una vasta operazione dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, al comando del Capitano Salvatore Vitiello, è stata portata a termine in attuazione delle misure straordinarie per fronteggiare l'emergenza nel...

Ancora una vasta operazione dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, al comando del Capitano Salvatore Vitiello, è stata portata a termine in attuazione delle misure straordinarie per fronteggiare l'emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella Regione Campania, nonché le misure urgenti di tutela ambientale emanate dal Governo. I militari della Stazione di Prata Sannita, con il Maresciallo Giuseppe Sileo e il Brigadiere Nicandro Papa, hanno intercettato sulla via Nazionale per Pratella, un camion che trasportava circa dieci quintali di rifiuti speciali anche di tipo pericoloso. Si tratta di carcasse e parte di veicoli, fusti e filtri di olio motore esausti, elettrodomestici in disuso, rottami ferrosi e altro materiale altamente inquinante. Il responsabile del trasporto, Antonio Pagnano, 44enne, originario di Napoli, già con qualche precedente alle spalle, risultava sprovvisto di qualsiasi autorizzazione relativa alla gestione, allo smaltimento e al trasporto dei rifiuti, pertanto è stato arrestato e trasferito presso le camere di sicurezza dell'Arma, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Sulla provenienza e la destinazione del mezzo con il pericoloso carico, finiti sotto sequestro, sono ora in corso ulteriori indagini. Il materiale verrà affidato ad una ditta specializzata per il regolare smaltimento. Dall'inizio del 2009, i Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese hanno eseguito nell'ambito dei servizi predisposti per contrastare i fenomeni di inquinamento ambientale, oltre 30 arresti, mentre sono state sottoposte a sequestro 10 discariche abusive, per un totale complessivo di oltre 250 quintali di rifiuti speciali anche di tipo pericoloso, altamente tossici ed inquinanti, 14 infine i camion sottoposti a sequestro, poiché utilizzati per il trasporto illegale dei rifiuti. Le brillanti operazioni portate a termine per contrastare questo gravissimo fenomeno che ha messo in serio pericolo negli ultimi tempi la salute pubblica, ha visto un impegno senza precedenti da parte di tutte le componenti dell'Arma matesina, vale a dire il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile e delle Stazioni presenti sul territorio, che in alcune circostanze si sono anche avvalse di Reparti Speciali dell'Arma. Le località maggiormente interessate su cui si è concentrata l'azione dei militari, sono state individuate nei comuni di Piedimonte Matese, Alvignano, Dragoni, Alife, Ailano, Raviscanina, Capriati al Volturno, Prata Sannita, Pratella e Ciorlano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento