Tentano di violentare 19enne sul treno Napoli - Milano: arrestati 2 marocchini

Aversa - Ennesimo atto di violenza sessuale in danno di una giovane donna si è verificato nel primo pomeriggio di Giovedì sera 29.01. u.s., sul treno intercity Napoli - Milano, in partenza dalla Stazione Centrale di Napoli. La donna, B. M. L...

20090131071453_tentata_violenza

Ennesimo atto di violenza sessuale in danno di una giovane donna si è verificato nel primo pomeriggio di Giovedì sera 29.01. u.s., sul treno intercity Napoli - Milano, in partenza dalla Stazione Centrale di Napoli.
La donna, B. M. L., diciannovenne, era sul treno insieme al fidanzato, diretta a Roma, quando rimasta momentaneamente sola nello scompartimento della carrozza, si introducevano nello scompartimento due giovani extracomunitari di nazionalità marocchina, poi identificati per Boukharta Mohammed e Zahri Brahim, entrambi di anni 19 e muniti di regolare carta di soggiorno rispettivamente
residenti a Torino e a Castel San Giovanni (PC).I due, approfittando della momentanea assenza di altri viaggiatori all'interno della cabina, tentavano di violentare la giovane donna. Infatti, mentre uno dei due la tratteneva bloccandole le braccia, l'altro iniziava a palparle il seno e le parti intime.
L'azione veniva interrotta solo grazie all'occasionale intervento di un venditore ambulante di bibite, il quale accortosi di quanto stava accadendo alla ragazza, apriva la porta dello scomparto e in maniera energica costringeva i due aggressori a desistere dal loro ulteriore intento. Attirato dalle grida anche il fidanzato della ragazza interveniva per soccorrerla.
Mentre i due marocchini scappavano negli altri vagoni, il capotreno, avvertito di quanto stava avvenendo, contattava il 113 ed immediatamente numerose pattuglie del Commissariato di Aversa, intervenivano presso la Stazione Ferroviaria di Aversa, dove, di li a poco, sarebbe giunto per la prevista fermata il treno in argomento.
Una volta giunto in stazione il treno veniva rapidamente circondato dagli Agenti della Polizia di Stato che, avuta la descrizione degli aggressori, effettuavano una meticolosa perquisizione di tutti gli scompartimenti fino a rintracciare i due marocchini che venivano riconosciuti dalla vittima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
La giovane donna, sconvolta e terrorizzata da quanto accadutole, dopo i primi soccorsi prestati presso il Commissariato di Aversa, veniva accompagnata presso il locale nosocomio ove i medici le riscontravano delle lievi contusioni al corpo giudicandola guaribile in giorni 3 s.c..
I due marocchini, dichiarati in arresto, venivano condotti presso il Commissariato P.S. di Aversa, e dopo le formalità di rito e i necessari riscontri associati presso la Casa Circondariale di S. Maria Capua Vetere, a disposizione del Procuratore della Repubblica di S. Maria C.V..

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento