Rapinatore seriale bloccato dalla polizia mentre compiva l'ennesimo colpo

Caserta - Nelle scorse settimane erano state registrate alcune rapine consumate da un solitario malfattore armato di taglierino nelle vie prossime al centro cittadino di Caserta. Per questo motivo la Questura predisponeva servizi di controllo del...

20090130070928_rapinatore_seriale

Nelle scorse settimane erano state registrate alcune rapine consumate da un solitario malfattore armato di taglierino nelle vie prossime al centro cittadino di Caserta. Per questo motivo la Questura predisponeva servizi di controllo del territorio indirizzati in particolare ai potenziali obiettivi, negozi e tabacchini e grazie anche alle precise descrizioni fornite dalle vittime, che, pur trovandosi di fronte ad un giovane travisato da sciarpa e cappellino, avevano fornito alcuni importanti dettagli, l'attivita' della squadra volante dell'ufficio prevenzione generale della questura veniva orientantata in particolare negli ambienti della piccola criminalita' casertana.
Tale strategia ha permesso alla polizia di arrestare in flagranza per rapina aggravata un pregiudicato casertano. L'altro ieri sera, poco prima delle 19.30, giungeva al "113" la segnalazione di un tentativo di rapina presso un negozio di pelletteria di via Turati. Gli operatori, che raccoglievano la descrizione dell'autore, inviavano immediatamente le "volanti" gia' impeganate nella zona che bloccavano a poche decine di metri dal negozio un giovane, biondo e con occhi azzurri che indossava una sciarpa, che alla vista degli agenti tentava una inutile fuga, cercando anche di disfarsi di un taglierino, lanciato sul sulciato. I poliziotti accertavano che il malfattore, identificato per Alessandro Bocchino, nato in svizzera il 20-4-1977 e residente a Caserta, con piccoli precedenti per danneggiamento, poco prima si era introdotto nel negozio "Rocco Nocera" minacciando la commessa con l'arma. Sorpreso dalla reazione della ragazza, che fuggiva sul retro del locale, il bocchino non riusciva ad impossessarsi dell'incasso ma solo del cellulare della malcapitata che, effettivamente gli veniva rinvenuto addosso e restituito.
Il tempestivo intervento dei poliziotti veniva sottolineato dagli appalusi dei numerosi passanti che assistevano alla scena. I tratti somatici e la corporatura di Bocchino corrispondono alle descrizioni fornite in occasione di tre rapine consumate nelle scorse settimane, con le stesse modalita', in via fuga, Piazza Cattaneo ed in viale Beneduce, pertanto sono in corso ulteriori indagini, coordinate dal sostituto commissario Raffaele Cicatiello per verificarne il coinvolgimento anche sulla scorta di un importante dettaglio rappresentato da un vistoso tatuaggio, raffigurante un sole ed una luna, impresso sul dorso della mano sinistra del malfattore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alle poste, i ladri ‘beffati’ dal direttore | FOTO

  • Poste Italiane cerca portalettere nel casertano, ma il tempo stringe

  • Muore ragazzino di 12 anni dopo essere stato investito in bici

  • Irruzione dei banditi in un altro ufficio postale

  • Rapina all'ufficio postale: polizia e carabinieri circondano la zona | LE FOTO

  • Fermato in un auto con un milione di euro di cocaina

Torna su
CasertaNews è in caricamento