Maroni a Caserta: 'Ottimo il coordinamento tra forze di polizia e magistratura'

Caserta - Nel casertano sono aumentate denunce e controlli, diminuiscono i furti, gli arresti sono cresciuti di cinque volte. I dati li ha forniti direttamente il ministro dell'Interno Roberto Maroni al termine della riunione che ha presieduto...

20081031072044_maroni_caserta

Nel casertano sono aumentate denunce e controlli, diminuiscono i furti, gli arresti sono cresciuti di cinque volte. I dati li ha forniti direttamente il ministro dell'Interno Roberto Maroni al termine della riunione che ha presieduto ieri pomeriggio nella Prefettura di Caserta con i vertici di Carabinieri, Polizia, Guardia di finanza e dei Procuratori della Repubblica di Napoli e Santa Maria Capua Vetere.
«L'incontro è servito ad un aggiornamento delle iniziative di contrasto alla criminalità organizzata - ha detto Maroni - e sono soddisfatto delle notizie che ho appreso. Mi pare che ci sia un ottimo coordinamento tra forze di polizia e magistratura. Tra un mese faremo nuovamente il punto anche per valutare la presenza dei militari schierati nel casertano che è prevista, in base al decreto del governo, fino al 31 dicembre».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Il ministro ha diffuso alcuni dati: «Gli arresti nel casertano dal 22 settembre al 22 ottobre sono cresciuti di cinque volte, passando da 57 a 298; le denunce sono aumentate da 79 a 228; le persone controllate da 3684 a 19.815, mentre i furti sono diminuiti da 2118 a 112».
Il ministro ha poi incontrato il presidente della Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi) Franco Siddi ed il segretario dell'associazione napoletana della stampa Enzo Colimoro, ai quali ha assicurato uno scambio permanente di informazioni attraverso la Prefettura per garantire più sicurezza ai giornalisti che lavorano nelle zone a forte presenza di criminalità organizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pentito casertano si uccide in carcere

  • La ‘Dea bendata’ bacia il casertano: vinti 50mila euro al 10eLotto

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

Torna su
CasertaNews è in caricamento