Casa appuntamenti: indignazione di Agnese Ginocchio

Alife - "Mentre c'è chi non risparmia fatiche per lavorare affinché prevalgano azioni di Pace e di Giustizia, c'é invece chi non perde occasione per concedersi al vizio e abbandonare così se stesso alla devianza mentale più profonda, tutto per uno...

Vitiello_20080714061144

"Mentre c'è chi non risparmia fatiche per lavorare affinché prevalgano azioni di Pace e di Giustizia, c'é invece chi non perde occasione per concedersi al vizio e abbandonare così se stesso alla devianza mentale più profonda, tutto per uno sporco gioco di interessi". Così si é espressa la testimonial per la Pace Agnese Ginocchio, attraverso un sms inviato agli amici, nel quale manifestando il proprio disappunto e nel contempo il proprio ribrezzo provato nell'apprendere la notizia della casa appuntamenti di prostitute sita in Alife, ha espresso forte indignazione e condanna per il grave fatto di cronaca consumatosi proprio nel comune matesino di cui ella é originaria e che, grazie all'abile azione dei carabinieri di Alife e di Piedimonte Matese capitanati dal comandante Salvatore Vitiello, é stato portato alla luce. "Possibile che nessuno sapeva?"- si domanda angosciata la testimonial per la Pace, da sempre paladina e difenditrice dei valori della Pace e dei diritti umani- "Mi domando -incalza l'ambasciatrice di Pace nonché artista pluripremiata per il notevole impegno sociale- "cosa c'é nella mente di queste persone, se possiamo ancora definirle tali (mi verrebbe in mente un altro vocabolo con cui definirle...). L'essere umano non può essere usato e trattato come oggetto di mercanzia per soddisfare le proprie voglie bestiali e peggio ancora si decide di guadagnarci anche denaro sporco. L'essere umano é una vita innanzitutto che va salvaguardata e rispettata, perché dono di Dio. Chi sfrutta e abusa della vita altrui é un mostro infernale senza scrupoli che merita solamente di essere estirpato e condannato all'ergastolo e ai lavori forzati. Vedete a quali devianze conduce il potere, la ricchezza...Lungi da questi vizi capitali. Meglio vivere una vita sobria e distaccata da certi ambienti come da certe ambizioni di potere! Purtroppo questi fatti non fanno altro che ricordare a tutti noi che alla base di questo stato di cose esiste un profondo malanno sociale trascurato da tempo. E' da sciocchi pensare che le nostre comunità siano immuni ed estranee da certi fatti di violenza e di criminalità sempre più diffusa. E' da sciocchi pensare che nelle nostre comunità si vive ancora nella tranquillità. Purtroppo non é così, i fatti ci dimostrano il contrario. C'é un grosso e profondo malanno sociale. Diventa urgente un appello alle coscienze. Urge un decisivo cambio di rotta per ripristinare l'equilibrio, riportare l' ordine, la sicurezza e infine la Pace nelle nostre martoriate terre colpite dalle sempre e più infinite emergenze come dagli scandalosi fatti di cronaca. Urge l'impegno da parte di ciascuno a uscire dal fantomatico muro di silenzio e di omertà. E' ora di finirla con gli immaturi atteggiamenti di passività e di menefreghismo nei riguardi delle problematiche sociali. Non ci sono più scuse per giustificarsi e dire che non si ha tempo per pensare ed impegnarsi per il cambiamento. La difesa del bene comune e del futuro così tanto minacciato, deve diventare una scelta prioritaria anteposta ad ogni interesse personale. Altrimenti chi ci andrà veramente di mezzo saranno le generazioni del futuro alias i nostri figli. Un appello anche alle istituzioni ad aggiornarsi coi passi dei tempi, a vigilare e a sorvegliare maggiormente su tutto quanto accade nel territorio. BIsogna unire le forze per creare rete e contrastare il male sempre più in agguato. Animati da spirito di buona volontà si può tentare di dare una svolta. Desidero infine"- termina con queste parole di ringraziamento Agnese Ginocchio- "esprimere profonda gratitudine ai carabinieri di Piedimonte Matese capitanati dal giovane e coraggioso comandante Salvatore Vitiello, decorato recentemente dalla sottoscritta con la singolare "Croce della Pace", per la brillante azione compiuta nell'arrestare cioé 13 persone immischiate in quel giro di affari sporchi misto tra prostituzione, droga etc... In questa maniera Egli, come tutta l'arma del comando territoriale, sta veramente dando prova e onorando questo grande simbolo di onorificenza di cui é stato insignito. Grazie per il vostro assiduo lavoro. Grazie per il vostro impegno a nome dell'intera comunità territoriale e cotinuate su questi passi". (Fonte: Comunicato stampa)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Prima uscita pubblica dei renziani: ecco chi ci sarà a Caserta

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

Torna su
CasertaNews è in caricamento