La polizia di Caserta arresta il figlio di "Chanel"

Musella era latitante da 5 mesi. Le ricerche anche a Castel Volturno prima del blitz

Il blitz della polizia a Scampia

Era latitante dallo scorso mese di ottobre ma la sua fuga si è fermata oggi. All'alba gli agenti della squadra mobile di Napoli e Caserta hanno arrestato Giuseppe Musella, 47 anni di Napoli e figlio di Maria Licciardi, dell'omonima famiglia camorristica operante nella zona Nord di Napoli, la Chanel di Gomorra. 

Musella si era reso irreperibile da 5 mesi quando si era sottratto ad un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli, per i reati di associazione per delinquere, rapina e sequestro di persona. 

Il mese scorso c'era stato il blitz in alcuni villini "abbandonati" a Castel Volturno ma l'operazione, condotta dalle squadre mobili di Caserta e Napoli, aveva dato esito negativo. Musella non c'era, forse già si era spostato nella zona del napoletano. Le ricerche, però, sono continuate ed alla fine il ricercato è stato assicurato alla giustizia.

I poliziotti lo hanno scovato all'interno di un'abitazione, in uso alla madre ed alla sorella, nel quartiere di Scampia. Il bunker dove il 47enne si nascondeva era stato ricavato in un'intercapedine nella camera da letto. 
 

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

Torna su
CasertaNews è in caricamento