Spacciatori arrestati, incastrati dal ‘patto di mutuo soccorso’

I retroscena dell’arresto dei due pusher: i loro clienti erano giovani tra i 20 e i 30 anni

Operavano in maniera distinta, ma avevano stretto un “patto di mutuo soccorso” che ha finito per incastrarli. È il profilo dei due spacciatori, un 43enne di Aversa e un 60 nigeriano, arrestati dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Aversa all’esito delle indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord.

I militari del Gruppo di Aversa, guidati dal Tenente Colonnello Donato D’Amato, hanno infatti ricostruito il modus operandi dei due pusher: con una precisa agenda telefonica sugli smartphone i due prendevano appuntamenti e vendevano le dosi recandosi nei vari punti caldi in auto. 

I clienti erano in particolare giovani nella fascia di età dei 20-30 anni, interessati in particolare ad eroina e metadone. La vendita, 70 gli episodi di spaccio accertati dai carabinieri, avveniva poi nei quartieri popolari di Aversa, Lusciano, Sant’Antimo, Villaricca e Giugliano. 

Pur operando in maniera distinta, i due spacciatori erano ‘uniti’ da uno strano patto, nato a seguito di una difficoltà del 43enne aversano: questo infatti si era ritrovato a corto di droga, ricevendo dal ‘collega’ nigeriano un anticipo delle dosi per i propri clienti. Così le indagini hanno collegato i due pusher, finiti entrambi in manette.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento