Narcotizzato e rapinato, va in coma: arrestata una coppia

Sono stati incastrati anche dalla videosorveglianza

I Carabinieri della Stazione di Santa Maria Capua Vetere hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dall'Ufficio G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura, nei confronti di Francesco Iovino, 40 anni, e Loredana Monfreda, 35 anni, entrambi di Conca della Campania, ritenuti responsabili di due episodi di rapina aggravata in concorso (di cui una tentata), lesione personale in concorso e, la sola Monfreda anche del reato di calunnia. 

Il provvedimento rappresenta la conclusione di due distinte attività investigative, dirette dalla Procura e delegate, in ordine cronologico, rispettivamente ai Carabinieri della Stazione di Santa Maria Capua Vetere e da quelli della Stazione di Sparanise: investigazioni condotte dall'agosto all'ottobre del 2018. In particolare, il 30 agosto, i Carabinieri della Stazione di Santa Maria Capua Vetere intervenivano presso il pronto soccorso del Melorio, ove era stata segnalata la presenza di una persona anziana in codice rosso, per sospetta assunzione di sostanze psicoattive. 

L'indagine, svolta mediante acquisizione delle dichiarazioni rese dalla persona offesa, esecuzione del riconoscimento fotografico di entrambi gli indagati ed escussione di persone informate sui fatti, ha permesso di acquisire un solido quadro indiziario in ordine ai reati in contestazione. 

In particolare, è stato accertato che Iovino e Monfreda, simulando l'intenzione di voler locare un appartamento di proprietà della vittima, sito nel comune di Vitulazio, durante la visione dell'immobile, le offrivano un caffè contenente presumibilmente sostanze narcotiche da cui derivava uno stato comatoso. Approfittando di tale circostanza, i due malintenzionati tentavano di impossessarsi del portafogli della persona offesa, non riuscendo nel loro intento stante la reazione della vittima. 

Rispetto al primo episodio delittuoso, è stato inoltre accertato che, il 9 ottobre scorso, l'anziano veniva contattato sulla sua utenza cellulare dalla Monfreda la quale gli chiedeva se avesse sporto denuncia per i fatti sopra descritti aggiungendo, minacciosamente, che lo avrebbe querelato per violenza sessuale, cosa effettivamente avvenuta il giorno seguente: evento quest'ultimo risultato assolutamente infondato e finalizzato ad alterare la realtà dei fatti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo episodio di cui gli indagati si sono resi responsabili è quello avvenuto, con le medesime modalità, ai danni di un'anziana signora, abitante nel comune di Sparanise. In particolare, la vittima, recatasi presso i Carabinieri di quella Stazione, riferiva che il 15 settembre scorso, mentre si trovava da sola in casa, notava Monfreda, persona da lei ben conosciuta, introdursi furtivamente nella sua abitazione aggiungendo che la stessa era in compagnia di Francesco Iovino. Alle rimostranze della vittima per le modalità di ingresso all'interno della propria abitazione, gli indagati giustificavano, con vari pretesti, il loro comportamento offrendole, subito dopo, un caffè; la vittima, dopo averlo bevuto, accusava un malore riconducibile ad uno stato di sopore transitorio da probabile inalazione di sostanza narcotica. Gli accertamenti svolti dai Carabinieri della Stazione di Sparanise, condotti anche mediante l'analisi dei filmati estrapolati dal sistema di videosorveglianza installato nei pressi dell'abitazione della persona offesa, hanno consentito di accertare che gli indagati, approfittando dello stato di incoscienza dell'anziana, si impossessavano di una collana in oro e di una banconota da 50 euro, che la vittima custodiva sulla sua persona, nonché di un televisore. Il gip, difformemente rispetto alla richiesta di misura cautelare in carcere, avanzata dalla Procura, ha disposto per entrambi la misura degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento