CAMORRA I commercianti denunciano e sfidano la famiglia del boss

La Dda: "Collaborazione non comune, hanno avuto fiducia nella giustizia"

L'arresto degli esponenti del clan Ligato

Non si sono fatti intimorire dal timore concreto di ritorsioni da parte del clan e hanno denunciato i loro aguzzini ai carabinieri, nell’operazione della Dda di Napoli che ha permesso l’arresto di 6 persone ritenute esponenti di vertice del clan Ligato di Pignataro Maggiore.

In manette nel blitz condotto questa mattina dai carabinieri del Reparto Operativo di Caserta e quelli della Compagnia di Capua sono finiti i figli dello storico capo clan Raffaele Ligato (attualmente detenuto in regime di 41bis), Antonio Raffaele Ligato (scarcerato nel dicembre 2015) e la sorella Felicia Ligato, e altri 4 affiliati del sodalizio criminale.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La procura antimafia ha infatti “ringraziato” il coraggio dei commercianti, “che hanno saputo credere nelle istituzioni collaborando alle indagini in maniera determinante”.

Dall’indagine è emerso che il clan, riorganizzatosi dopo l’arresto del boss, imponeva ai commercianti e imprenditori beni come gadget natalizi o materiale di cancelleria, oltre alle “classiche” richieste di somme di denaro durante le festività. Inoltre gli eredi di Ligato hanno tentato di imporre il loro dominio anche sul business dei videopoker e delle slot machine installate negli esercizi commerciali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

Torna su
CasertaNews è in caricamento