Duplice omicidio stradale, 'Culacchiotto' lascia il carcere

Il giudice ha disposto gli arresti domiciliari in comunità dopo il rinvio a giudizio

Antonio Corvino, accusato di duplice omicidio stradale

Lascia il carcere Antonio Corvino, 42 anni di Caserta meglio noto con l'appellativo di Culacchiotto, accusato di duplice omicidio stradale.

Il gip Nicola Erminio Paone, del tribunale di Napoli Nord, ha accolto l'istanza degli avvocati Nello Sgambato ed Alfonso Iovino, e disposto la sostituzione della misura cautelare in carcere con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari presso una comunità di recupero a San Prisco.

Corvino è stato rinviato a giudizio con immediato per il duplice omicidio stradale di un senegalese ed un giovane guineano avvenuto lo scorso 3 febbraio sulla statale 7bis a Teverola. Il 42enne, secondo la ricostruzione dell'accusa, investì i due stranieri che stavano percorrendo la strada in bicicletta e non si fermò a prestare soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Morta professoressa, studenti in lacrime

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Pistola in pugno rapinano automobilista del Rolex: caccia ai banditi

  • Pistola in faccia ad imprenditore per rapina, i ladri cadono durante la fuga

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

Torna su
CasertaNews è in caricamento