Duplice omicidio stradale, 'Culacchiotto' lascia il carcere

Il giudice ha disposto gli arresti domiciliari in comunità dopo il rinvio a giudizio

Antonio Corvino, accusato di duplice omicidio stradale

Lascia il carcere Antonio Corvino, 42 anni di Caserta meglio noto con l'appellativo di Culacchiotto, accusato di duplice omicidio stradale.

Il gip Nicola Erminio Paone, del tribunale di Napoli Nord, ha accolto l'istanza degli avvocati Nello Sgambato ed Alfonso Iovino, e disposto la sostituzione della misura cautelare in carcere con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari presso una comunità di recupero a San Prisco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Corvino è stato rinviato a giudizio con immediato per il duplice omicidio stradale di un senegalese ed un giovane guineano avvenuto lo scorso 3 febbraio sulla statale 7bis a Teverola. Il 42enne, secondo la ricostruzione dell'accusa, investì i due stranieri che stavano percorrendo la strada in bicicletta e non si fermò a prestare soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

Torna su
CasertaNews è in caricamento