8 ARRESTI Sgominata la banda della 'spaccata'

I furti commessi tra Caserta e Napoli in tabaccai e negozi di abbigliamento di lusso

Sgominata a Napoli la banda della 'spaccata', la tecnica che utilizza auto come ariete per sfondare saracinesche o infissi in vetro dei negozi da assaltare. I Carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli per furto aggravato.

I destinatari sono 8 persone accusate di numerosi furti ai danni di negozi di abbigliamento di lusso e tabaccai. I colpi sono stati messi a segno tra il luglio 2017 e il gennaio 2018 tra Napoli e Caserta. Fondamentali per le indagini, svolte dai militari dell'Arma e coordinate dalla Procura della repubblica di Napoli, sono state le denunce delle vittime.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'analisi delle immagini estratte dai sistemi di sorveglianza e l'attività tecnica. Durante gli accertamenti alcuni membri del sodalizio criminale vennero arrestati in flagranza, il 19 marzo 2018, dopo un furto in un negozio di abbigliamento a Qualiano; i militari recuperarono la refurtiva di 30mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento