Schianto mortale sull'Appia, arrestato 21enne

Il ragazzo provocò con la sua folle corsa la morte di Michele Petrone ed Emilio Di Nuzzo

Michele Petrone, il 29enne morto sul colpo per l'incidente sull'Appia

Svolta nell’indagine sulla morte di Michele Petrone ed Emilio Di Nuzzo, i due giovani di 29 e 27 anni morti per un drammatico incidente avvenuto nella serata dello scorso 25 ottobre sull’Appia a Santa Maria a Vico. I carabinieri della Compagnia di Maddaloni hanno infatti eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di G.P., 21enne di San Felice a Cancello, già denunciato a piede libero subito dopo l’incidente.

Uno schianto drammatico quello che vide protagonista una Audi A3 nera lanciata a folle velocità sull’Appia. Petrone, 29enne avvocato, morì sul colpo investito dall’auto mentre stava portando a passeggio il suo cane. Di Nuzzo invece, che viaggiava a bordo della vettura, morì dopo oltre un mese di ricovero all’ospedale ‘Sant’Anna e San Sebastiano’ di Caserta per la gravità delle ferite riportate. Nell’auto viaggiavano, oltre a Di Nuzzo e G.P, altri due ragazzi di 25 e 22 anni, S.N. e V.E., che avevano riportato ferite non gravi nel sinistro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

  • Muore dopo incidente a scuola, un testimone ha visto Gerardina pochi minuti prima della caduta

Torna su
CasertaNews è in caricamento