Latitante scovato dalla Mobile: fermato in auto con un familiare

E' considerato un uomo di fiducia di Antonio Iovine

Nel pomeriggio di mercoledì, la Polizia di Stato di Caserta ha tratto in arresto Vincenzo Della Volpe, 52 anni di San Cipriano d’Aversa, pregiudicato, affiliato al clan camorristico “dei Casalesi”, latitante dallo scorso mese di luglio, perché colpito dall’Ordine di Carcerazione emesso in data 9 luglio 2018 dalla Procura della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli, che lo ha condannato a 7 anni e 15 giorni di reclusione per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, turbata libertà degli incanti e del commercio, aggravati dall’appartenenza ad associazione mafiosa.

Al rintraccio del condannato si è pervenuti all’esito di attività investigative, condotte dalla Squadra Mobile di Caserta, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, che hanno consentito di localizzarlo, con l’ausilio della Squadra Mobile di Campobasso, nel pomeriggio di mercoledì nel Comune di Lucito, in provincia di Campobasso.

Della Volpe, stretto collaboratore e uomo di fiducia del capo clan Antonio Iovine, attuale collaboratore di Giustizia, a seguito delle attività di perquisizione e controllo condotte dalla Squadra Mobile sui territori di Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa e Casapesenna, aveva deciso di allontanarsi temporaneamente dalla provincia di Caserta per proseguire la sua latitanza. L’attività di osservazione e controllo e di pedinamento a distanza, ha consentito di individuarlo a bordo di un veicolo, di proprietà di un suo familiare, sulla strada statale 647 bis in Lucito, in provincia di Campobasso.

Il rapido intervento del personale impegnato nelle attività di osservazione, in sinergia con il personale della Squadra Mobile di Campobasso consentiva di individuare e bloccare il mezzo e di trarre in arresto il latitante. Della Volpe, dopo gli adempimenti di rito, è stato associato presso la casa Circondariale di quel capoluogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

Torna su
CasertaNews è in caricamento