I carabinieri tornano nel locale della rissa ed arrestano la nuova barista

I militari hanno scoperto che era ricercata per truffa. Le indagini non si fermano

I carabinieri sono tornati nel locale 'Gran Caffè Vesuvio' a San Cipriano d'Aversa, teatro di una rissa nei giorni scorsi che ha visto due gemelli aggredire una dipendente, ed hanno arrestato la nuova barista.

I militari guidati dal capitano Iannotti, infatti, hanno scoperto che la donna che era in prova al posto della collega rimasta ferita dopo l'aggressione dei giorni scorsi, era destinataria di un mandato di arresto europeo emesso dalla Corte d'Appello di Brasov in Romania per truffa.

Per questo motivo, la donna, G.A., 57 anni, è stata arrestata dai carabinieri e portata in carcere a Pozzuoli a disposizione dell'autorità giudiziaria. Ma le indagini non finiscono qui, visto che gli atti sono stati inviati all'Ispettorato del Lavoro per verificare la regolarità dell'assunzione della nuova barista nel locale di proprietà di un noto politico dell'agro aversano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Inchiesta sul 'pezzotto', parla l'avvocato: "Ecco quali reati possono essere contestati"

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Muore dopo incidente a scuola, un testimone ha visto Gerardina pochi minuti prima della caduta

Torna su
CasertaNews è in caricamento