Appalti ad imprenditori vicini ai Casalesi, parte il processo d'Appello per 4 imputati

Il procuratore generale ha iniziato la relazione. A fine giugno le richieste di condanna

L'ex senatore Tommaso Barbato

E’ iniziato ufficialmente oggi il processo d’Appello dell’inchiesta Medea, conclusasi in primo grado con quattro condanne e tre assoluzioni. Il procuratore generale ha iniziato la sua relazione che si concluderà a fine mese con le richieste di condanna nei confronti di quattro imputati.

In primo grado sono stati condannati l’imprenditore di Casapesenna trapiantato a Caserta Pino Fontana a  13 anni e 6 mesi di carcere per; l’ex senatore Udeur Tommaso Barbato a 7 anni;  Alessandro Cervizzi, carabiniere che era in servizio al comando provinciale di via Laviano a Caserta, a 4 anni e mezzo; Carmine Lauritano di Marcianise a 2 anni.

L’inchiesta ‘Medea’ è relativa agli appalti ottenuti da imprenditori ritenuti vicini al clan dei Casalesi da Enti pubblici scoppiata nell’estate 2015 e che ha coinvolto anche diversi esponenti politici casertani (tra cui l’ex sindaco Pio Del Gaudio ed il parlamentare Carlo Sarro, ma entrambe le posizioni furono archiviate dopo pochi mesi).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

  • Auto esce fuori strada e si schianta contro albero su viale Carlo III I GUARDA LE FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento