Appalti ad imprenditori vicini ai Casalesi, parte il processo d'Appello per 4 imputati

Il procuratore generale ha iniziato la relazione. A fine giugno le richieste di condanna

L'ex senatore Tommaso Barbato

E’ iniziato ufficialmente oggi il processo d’Appello dell’inchiesta Medea, conclusasi in primo grado con quattro condanne e tre assoluzioni. Il procuratore generale ha iniziato la sua relazione che si concluderà a fine mese con le richieste di condanna nei confronti di quattro imputati.

In primo grado sono stati condannati l’imprenditore di Casapesenna trapiantato a Caserta Pino Fontana a  13 anni e 6 mesi di carcere per; l’ex senatore Udeur Tommaso Barbato a 7 anni;  Alessandro Cervizzi, carabiniere che era in servizio al comando provinciale di via Laviano a Caserta, a 4 anni e mezzo; Carmine Lauritano di Marcianise a 2 anni.

L’inchiesta ‘Medea’ è relativa agli appalti ottenuti da imprenditori ritenuti vicini al clan dei Casalesi da Enti pubblici scoppiata nell’estate 2015 e che ha coinvolto anche diversi esponenti politici casertani (tra cui l’ex sindaco Pio Del Gaudio ed il parlamentare Carlo Sarro, ma entrambe le posizioni furono archiviate dopo pochi mesi).

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

Torna su
CasertaNews è in caricamento