L'ex sindaco torna completamente libero

La decisione del Riesame per Antropoli dopo l'annullamento dell'ordinanza in Cassazione

L'ex sindaco di Capua Carmine Antropoli

L'ex sindaco di Capua Carmine Antropoli torna completamente libero. Questa la decisione del tribunale del Riesame che ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti del chirurgo dopo il rinvio degli atti da parte della Corte di Cassazione. 

Antropoli era stato arrestato all'inizio di febbraio con l'accusa di concorso esterno in associazione camorristica. In particolare, secondo la Dda, il clan dei Casalesi avrebbe condizionato le elezioni comunali del 2016, con Antropoli (che non era candidato) che avrebbe stretto un patto con Francesco Zagaria per assicurare i voti ad un suo candidato. 

A giugno, dopo 4 mesi di carcere, il giudice per l'udienza preliminare Marcopido aveva sostituito la misura cautelare in cella con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari a Rivisondoli. Sempre all'inizio di giugno la Corte di Cassazione aveva annullato l'ordinanza di custodia cautelare con un nuovo rinvio al Tribunale del Riesame. Alla base della decisione della Suprema Corte l'insufficienza di riscontri alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia.

Pochi minuti fa la decima sezione del tribunale del Riesame, presieduta dal giudice Anna Elisa De Tollis, accogliendo il ricorso degli avvocati Mauro Iodice e Vincenzo Maiello, ha disposto l'immediata scarcerazione di Antropoli che torna, dunque, completamente libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpreso a cacciare nell'impianto idrovoro, sequestrato fucile con 3 colpi in canna

  • Pandora falsi venduti nel Tarì, scoperto il deposito: sequestrati 2860 gioielli

  • Violento incendio in 3 depositi: fiamme altissime, la nube invade le case | FOTO

  • Rissa tra clan opposti al ristorante: "Gli ho spaccato la testa. Il fratello voleva uccidermi"

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • “Io nel clan a 13 anni. In carcere ho incontrato un indagato per l'omicidio dei miei genitori”

Torna su
CasertaNews è in caricamento