Gli amici inguaiano il figlio del boss: "E' stato lui a spruzzare"

Cavallari e Moez accusano Di Puorto: "Loro lo sanno, parlerà quando lo arrestano"

Ugo Di Puorto

"E' stato lui a spruzzare". Così in una conversazione, intercettata dalle forze dell'ordine, Andrea Cavallari ed Akari Moez, anche loro arrestati, tirano in ballo Ugo Di Puorto, il 19enne di San Cipriano d'Aversa e figlio del boss dei Casalesi Sigismondo Di Puorto, tra i protagonisti della banda dello spray che ha provocato una strage, con 6 morti e decine di feriti, alla Lanterna Azzurra di Corinaldo durante un concerto di Sfera Ebbasta.

L'episodio è ormai passato da diversi mesi ma Moez e Cavallari ricordano "quella serata lì mi pento di essere (inteso di esserci andato)". "Che inferno - dice Cavallari - un bamboccio di merda. Solo grazie ... Ugo Di Puorto". Secondo gli altri componenti della banda aver spruzzato con uno spray urticante è stata una leggerezza in quanto "anche se ti prendevano gli davi uno schiaffo e te ne andavi". 

Qualche giorno dopo Cavallari e Akari tornano a parlare della strage ribadendo come "loro (le forze dell'ordine nda) lo sanno che è stato lui a spruzzare" e per questo "andrà all'inferno". Il timore di tutti è che l'attenzione degli inquirenti sia concentrata proprio su Di Puorto e che "lui parlerà" una volta arrestato tirando in ballo anche gli altri componenti della banda. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento