Violenze nel parco, spunta un altro caso. E l’aggressore sarebbe “conosciuto”

Anche un bambino sarebbe stato aggredito. I residenti: “Segnalato più volte”

Il parco Pozzi di Aversa

Sono ore molto delicate quelle che si stanno vivendo ad Aversa dopo il caso della tentata aggressione sessuale avvenuta nella serata di mercoledì nel Parco Pozzi. I carabinieri hanno fermato un pachistano senza fissa dimora che avrebbe tentato dei palpeggianti ai danni di una ragazzina minorenne. Ma in queste ore si sta verificando anche un’altra segnalazione, che vedrebbe coinvolta la stessa persona per un tentativo di “approccio” anche con un bambino. In zona, oltretutto, l’uomo che è stato posto in stato di fermo sembra essere “conosciuto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo segnalato diverse volte la sua presenza - ammette una residente - perché in alcune occasioni si è abbassato i pantaloni mostrando i genitali. Abbiamo provato a segnalarlo anche su Facebook al sindaco ma non abbiamo avuto riscontri”. Fatto sta che adesso l’uomo è stato messo in stato di fermo e si stanno effettuando tutte le verifiche del caso dopo le denunce presentate dalle famiglie dei bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

Torna su
CasertaNews è in caricamento