Violenta e tortura la compagna per giorni, l'orco fermato dalla polizia

Il racconto shock della vittima dall'ospedale in cui è stata ricoverata

È gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti e violenza sessuale ai danni della compagna il 25enne romeno C.C.R., fermato lo scorso 7 settembre dagli agenti del commissariato di Sessa Aurunca a Castel Volturno ed attualmente detenuto presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della procura di Santa Maria Capua Vetere.

LE VIOLENZE SULLA COMPAGNA

Il provvedimento cautelare recepisce l’esito di una tempestiva quanto rapida attività investigativa diretta dalla procura e condotta dal Commissariato in seguito alla trasmissione da parte del Pronto Soccorso dell’ospedale di Sessa Aurunca del referto medico relativo alle gravissime lesioni subite dalla donna, consistite nella frattura di diverse costole, in numerose contusioni al torace, al volto, al cuoio capelluto e al collo, in ecchimosi diffuse su ogni parte del corpo nonché un’ustione di primo grado sul fianco che l’uomo avrebbe procurato alla vittima riscaldando un forchettone sul fornello e marchiandola.

LA DENUNCIA DALL’OSPEDALE

Dalle dichiarazioni rese dalla donna, escussa a sommarie informazioni mentre era ancora ricoverata in ospedale, è emerso un quadro di vessazioni fisiche e morali e di reiterati abusi sessuali, riscontrato da quanto riferito dalle persone informate sui fatti e dalle fotografie prodotte dalla persona offesa, iniziati nel dicembre 2017, con un escalation di violenza e brutalità tra il primo settembre ed il tre settembre scorso, a cui si è posto fine grazie all’intervento delle forze dell’ordine delegati da questa Procura. In particolare, è stato accertato che la donna quasi quotidianamente veniva maltrattata, picchiata selvaggiamente, offesa, umiliata, obbligata ad assumere sostanza stupefacente, costretta con violenza e minaccia a subire e a compiere atti sessuali.

I TRE GIORNI DA INCUBO

La persona offesa ha inoltre raccontato di essere stata vittima di tre giorni di violenza estrema da parte dell’indagato che, sentendosi rifiutato dalla donna, la chiudeva a chiave in casa, la picchiava, la offendeva, la metteva a corpo nudo sotto la doccia fredda, continuando a picchiarla a mani nude e con un cucchiaio di acciaio, la teneva ferma per un braccio e, dopo aver riscaldato un forchettone sul fuoco, glielo imprimeva sul fianco, marchiandola a vita, per poi obbligarla a subire reiterati e violenti rapporti sessuali che la donna, ormai sfinita per le violenze fisiche subite senza soluzione di continuità, era costretta ad assecondare.

Il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, concordando con la richiesta di misura coercitiva avanzata dalla procura, anche per quanto riguarda la sussistenza di concrete ed attuali esigenze cautelari, ha disposto per l’indagato la custodia cautelare in carcere.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Schiavone jr parla in aula, il procuratore chiede 6 anni e 8 mesi per Morico

  • Cronaca

    Crolla cornicione dalla facciata della Reggia | FOTO

  • Cronaca

    Nicola Schiavone parla in tribunale contro Michele Zagaria

  • Cronaca

    Inquieto lancia accuse al pentito di Cosa Nostra

I più letti della settimana

  • Terrore nella galleria della Variante: auto prende fuoco, grave un 30enne | FOTO

  • Strade allagate e vento forte, i sindaci iniziano a chiudere le scuole | FOTO E VIDEO

  • Botto sotto il Ponte di Ercole: i vigili lo chiudono di nuovo

  • Uccide moglie e cognata, poi si ammazza: il marito non voleva separarsi | FOTO

  • Cade dal balcone e muore davanti a decine di passanti

  • Finanziere spara davanti a negozio poi si ammazza: 3 morti | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento