Autista aggredito da una banda di ragazzini nei pressi del bene confiscato alla camorra

Lancio di uova contro l'autobus, alcuni testimoni parlano anche di una mazza

Scene incredibili quelle accadute questa sera a Casapesenna: un gruppo di ragazzini ha compiuto un’aggressione ai danni dell’autista di un pulmino di studenti provenienti dalla provincia di Pisa che erano in vista ai beni confiscati della città dell’agro aversano. Un’aggressione con lancio di uova, anche se alcuni testimoni parlano anche dell’utilizzo di un bastone. L'autista è finito al Pronto soccorso dell'ospedale Moscati di Aversa. Sul caso indagano i carabinieri.

Il gesto ha provocato la reazione polemica del sindaco di Casapesenna Marcello De Rosa: “Sono indignato e vergognato di tutto ciò. Probabilmente i ragazzini hanno preso di mira queste persone senza saper davvero chi erano e perché erano a Casapesenna.  Però non posso accettare parole ingiuriose sul mio paese e sulla mia gente, non è corretto nei confronti di un paese che con forza sta facendo passi in avanti. Negli ultimi 5 anni siamo stati noi a trasformare i beni confiscati in isola ecologica, ostello della gioventù, caffè letterario, caseificio sociale (quasi pronto). La mentalità di questi ragazzini è assolutamente da rivedere e da punire ma non possiamo pagare tutti le conseguenze del comportamento di pochi. Spero in un immediato chiarimento da parte degli organi competenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento