Azzannata da un cane randagio in piazza, i genitori fanno causa a Comune e Asl

Chiesto un risarcimento da 26mila euro per le lesioni riportate dalla figlia

Azzannata da un cane randagio di grossa taglia, che le ha provocato anche lesioni personali. Per l’aggressione avvenuta in piazza Pitesti a Caserta il 21 novembre 2015 il Comune e l’Asl, ritenuti responsabili delle lesioni, sono stati citati in giudizio dinanzi al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. 

A fare causa per ottenere il risarcimento danni sono stati i genitori della vittima, un ragazzina all’epoca dei fatti minorenne. Per l’aggressione subita nella piazza, sempre molto frequentato da giovani e famiglie, i genitori di A.D.V. hanno chiesto 26mila euro di risarcimento ad Asl e Comune, in quanto enti preposti al controllo e alla prevenzione del randagismo per la tutela della salute pubblica.

Il Comune di Caserta ha conferito all'avvocato Lidia Gallo l'incarico di difendere l'Ente dalla richiesta risarcitoria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento