Abusi edilizi, donna costretta a tornare davanti ai giudici

La Cassazione accoglie il ricorso del Procuratore Generale ed invia nuovamente gli atti in Appello

La decisione della Cassazione

Un muro di cinta edificato in un cortile di un fabbricato di vecchia costruzione. Questo l'abuso commesso da Giuseppina B., 70enne di Villa Literno, e per il quale bisognerà tornare dinanzi ai giudici.

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso del procuratore generale ed inviato nuovamente gli atti alla Corte d'Appello di Napoli che erronamente, ad avviso della Suprema Corte, aveva dichiarato prescritto il reato, revocando l'ordine di demolizione delle opere abusive ed il ripristino dello stato dei luoghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i giudici della Cassazione vanno considerati gli atti interruttivi, circa 121 giorni, che hanno spostato i termini della prescrizione. Di qui la decisione "errata" da parte della corte partenopea che è stata annullata per un nuovo giudizio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento