Abusi edilizi nel Parco Naturale del Matese: sotto sequestro un fabbricato

Prata Sannita - Continuano le operazioni dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, finalizzate a contrastare il fenomeno degli abusi edilizi e per tutelare la sicurezza sui luoghi di lavoro e la regolarità occupazionale. Nel corso dei...

074440_carab_seq

Continuano le operazioni dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, finalizzate a contrastare il fenomeno degli abusi edilizi e per tutelare la sicurezza sui luoghi di lavoro e la regolarità occupazionale. Nel corso dei controlli, sono state passate ancora una volta al setaccio varie località del comprensorio matesino particolarmente sensibili sotto il profilo ambientale, in quanto ricadenti nel Parco Regionale del Matese. A Ciorlano, i militari della Stazione di Prata Sannita, hanno proceduto al sequestro di un fabbricato destinato a private abitazioni, in assenza delle prescritte concessioni edilizie. Due persone, proprietarie della struttura, sono state denunciate a piede libero alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Gli accertamenti in queste ore sono stati estesi anche ad altri cantieri al fine di riscontrare eventuali violazioni alle norme in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, tra le quali la mancanza di adeguate impalcature o ponteggi, mancanza di idonee protezioni per gli operai, presenza di vari materiali posizionati in maniera tale da procurare grave pericolo per gli stessi lavoratori e sulla regolare redazione della prevista documentazione relativa al piano operativo di sicurezza del cantiere. Vengono inoltre eseguiti controlli per verificare la presenza di lavoratori in nero. Dall'inizio del 2012, sono già sei i blitz eseguiti dai Carabinieri nelle oasi protette del Parco Naturale del Matese, con il sequestro di 6 fabbricati abusivi, per un valore complessivo di oltre mezzo milione di euro, con la conseguente denuncia dei responsabili.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento