Piano da 145 milioni di euro per gli ospedali casertani

De Luca presenta gli interventi: nuovo nosocomio a Sessa Aurunca, 27 milioni al Sant'Anna e San Sebastiano e 25 per il Policlinico. Zinzi: "Iniqua distribuzione delle risorse"

Il piano presentato dal governatore Vincenzo De Luca

Circa 145 milioni di euro. Questo l'importo complessivo approvato dalla Regione Campania per gli interventi da realizzare nella provincia di Caserta e rientranti nel piano di edilizia ospedaliera, il cui valore totale è di oltre 1 miliardo di euro, presentato stamattina dal governatore Vincenzo De Luca

Il finanziamento più elevato arriva a Sessa Aurunca dove sono previsti fondi per 60 milioni di euro per la realizzazione di un nuovo ospedale. "Sarà una struttura all’avanguardia, sismicamente e strutturalmente adeguato - scrive il sindaco Silvio Sasso in un post su Facebook - come mai sarebbe possibile rendere l’attuale San Rocco che nel frattempo continuerà - come è già cominciato ad essere - potenziato, protetto e valorizzato grazie anche alla recente promozione a Dea di I livello. Soddisfazione per l’amministrazione comunale che ha richiesto e spinto per questo traguardo".

Per quanto riguarda le altre opere che rientrano nel piano 27 milioni sono previsti per il Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta per la realizzazione di un nuovo edificio mentre 25 milioni saranno stanziati per l'acquisto di apparecchiature per la costituzione del parco tecnologico del costruendo Policlinico. Il completamento dell'ospedale di Marcianise costerà 23 milioni mentre 10 milioni saranno destinati per la messa a norma e l'adeguamento complessivo di una parte del complesso "La Maddalena" di Aversa da destinare a "Cittadella della Salute". 

"Finalmente dopo vent'anni la Regione Campania può dare avvio ad un grande piano di interventi di edilizia ospedaliera - ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca - Ci troviamo di fronte ad un lavoro enorme che rappresenta per noi una sfida simile a quella delle Universiadi ma 10 volte più complicata. Come per le Universiadi, dovremmo realizzare o ammodernare una settantina di strutture, molte delle quali di grandi dimensioni destinate a cambiare radicalmente il volto della rete ospedaliera campana. Agiremo garantendo certezza dei tempi e qualità delle opere, come è stato per tutti gli impianti sportivi dei giochi universitari, fiduciosi di poter vincere l'ennesima sfida".

Ma sul piano non sono mancate le polemiche come quelle del consigliere regionale Gianpiero Zinzi che denuncia "un’iniqua e mortificante suddivisione di risorse tra le province, con uno squilibrio imbarazzante verso Salerno. Il Governatore lo ha definito il suo ennesimo ‘miracolo’. Dopo quattro anni di governo regionale ormai il vero miracolo sarebbe considerare tutti i territori sullo stesso piano. Prevedere un uguale trattamento significa garantire uguali opportunità. Prendiamo, invece, atto che per De Luca ed il Pd la salute di un cittadino di Salerno vale quanto quella di un casertano e di un napoletano insieme. Se non si trattasse di una cosa seria, questa potrebbe sembrare quasi una barzelletta". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Tragedia al ritorno dal mare: muore 19enne, grave il fratello

Torna su
CasertaNews è in caricamento