Un ospedale senza epatite C: premiato il policlinico Sant'Anna e San Sebastiano

Il Fellowship Program di Gilead Sciences conferisce il riconoscimento alla struttura per il progetto “HCV-free Caserta Hospital”

Un ospedale senza epatite C è possibile. Ci crede l’Azienda Ospedaliera di Caserta che con “HCV-free Caserta Hospitalpunta in un anno alla completa eradicazione del virus responsabile dell’infezione dalla propria struttura nosocomiale.

Il progetto vedrà la sinergia di infettivologi, direzione ospedaliera, reparti e Unità Operativa Salute e Sicurezza dell’ospedale e verrà realizzato grazie al premio ottenuto al Fellowship Program, Bando di concorso promosso in Italia dall’azienda biofarmaceutica Gilead Sciences per selezionare e premiare i migliori progetti in ambito infettivologico e oncoematologico proposti da Enti di ricerca e cura del Paese.

Il progetto nasce da una problematica che interessa tutte le strutture ospedaliere, quella del mancato trattamento dell’infezione una volta diagnosticata. Nonostante infatti l’attuale disponibilità di terapie ad elevata efficacia, pressoché prive di effetti collaterali e a carico del Sistema Sanitario Nazionale, vi sono categorie di persone che, pur positive alla presenza del virus, non ricevono ancora l’adeguato trattamento.

Ciò, in particolare, in Campania, la regione a maggiore prevalenza in Italia. E’ il caso degli operatori sanitari di cui risulta che solo 13 siano trattati con le attuali terapie (e solo 263 in Italia). Ma è anche il caso non infrequente di quei pazienti che accedono alle strutture sanitarie per varie problematiche cliniche e che vengono valutati positivi al virus senza poi però ricevere la terapia.

Il progetto dell’AORN Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta prevede percorsi dedicati sia agli operatori che ai pazienti. Per quanto riguarda i primi, ad oggi tutti i dipendenti vengono sottoposti a screening di routine per epatite B, epatite C e, volontario, per l’HIV. Non è però noto se i soggetti positivi all’epatite C presentino infezione cronica e se hanno ricevuto indicazione al trattamento. Con l’avvio del progetto, attraverso la collaborazione tra la U.O.C. Salute e sicurezza del Personale Medico Competente e la U.O.C Malattie infettive e Tropicali, tutti gli operatori verranno sottoposti a screening e diagnosi. Quelli positivi verranno poi avviati al trattamento antivirale.

Per i pazienti, invece, sarà previsto un percorso di screening e valutazione diagnostica al momento dell’accesso alle strutture ospedaliere. Nel caso di rilevazione dell’infezione, il percorso continuerà con un’attività di counselling personalizzato e avvio al trattamento per l’eradicazione del virus. In questo secondo caso sarà la U.O.C di Patologia Clinica a collaborare con la U.O.C. di Malattie Infettive e Tropicali.

Siamo particolarmente orgogliosi di ricevere questo premio – spiega Vincenzo Messina responsabile del progetto e con IPAS aziendale di “Ottimizzazione e monitoraggio della terapia delle epatopatie virali” e Responsabile del Centro Prescrittore Regionale dei Farmaci Innovativi per la cura della epatite da HCV presso la UOC Malattie Infettive e Tropicali - 

Con il nostro progetto vogliamo concretamente contribuire all’eliminazione dell’infezione nella nostra regione generando significativi benefici non solo per i singoli individui ma per la salute pubblica generale. L’eliminazione del virus consente infatti di ridurre la diffusione dell’infezione nella popolazione e evitare le complicanze che l’evoluzione della malattia normalmente comporta con ricadute positive sui costi connessi alla loro gestione”.

Il progetto è stato selezionato dalla Commissione Giudicatrice del Fellowship Program per la sua unicità e per la sua replicabilità anche in altre realtà, campane e italiane. Particolarmente importanti sotto l’aspetto scientifico e sanitario sono le ricadute epidemiologiche ed economiche dell’iniziativa soprattutto in una Regione ad alta prevalenza come la Campania. La scelta del progetto è avvenuta tra i 110 presentati. Insieme a questo progetto ne sono stati premiati altri 34.

Fellowship Program

Il Fellowship Program è arrivato quest’anno alla sua 9a edizione. Con questo Bando vengono selezionati e premiati i migliori progetti proposti da Enti di ricerca e cura italiani che, secondo il giudizio di una Commissione giudicatrice indipendente, dimostrino di avere ricadute positive sulla qualità di vita e sugli outcome delle persone affette da HIV, patologie del fegato e oncoematologiche. Nei nove anni del Bando sono stati presentati oltre 1.000 progetti e le Commissioni Giudicatrici di ogni Edizione ne hanno selezionati e premiati in totale 333, 35 solo quest’anno. 6 i criteri con cui vengono valutati i progetti: 1.Razionale scientifico del progetto, 2.Originalità e rilevanza del tema oggetto del progetto, 3.Fattibilità del progetto, 4. Presumibili ricadute positive nella cura dei pazienti, 5. Rapporto costo/beneficio del progetto, 6.Valenza sociale del progetto. Nel corso dei nove anni sono stati assegnati oltre 7.800.000 di euro, di cui 900.000 quest’anno. Per saperne di più: www.itfellowshipprogram.it

Gilead Sciences

Gilead Sciences è una società biofarmaceutica basata sulla ricerca e impegnata nella scoperta, sviluppo e commercializzazione di farmaci innovativi per patologie molto gravi che ancora affliggono l’umanità. Le aree terapeutiche sulle quali ci concentriamo comprendono HIV/AIDS, malattie epatiche, ematologia e oncologia, malattie infiammatorie e respiratorie. Gilead è presente in Italia dal 2000 e collabora attivamente con i partner istituzionali, scientifici, accademici, industriali e delle comunità locali per sviluppare e rendere disponibili le terapie ai pazienti italiani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Assalto in stile hollywoodiano in banca: camion bloccano le strade del centro | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento