Influenza, picco dopo le feste natalizie. “Non correre subito dal medico, ecco le regole da seguire"

Semplici accorgimenti per prevenire il virus dell'influenza e come procedere in caso di contagio

È atteso, dopo le festività natalizie, il picco di influenza in provincia di Caserta, anche se il virus già sta iniziando a circolare soprattutto tra i bambini. Ma per coloro che ancora non sono stati colpiti, c’è la possibilità di prevenire. “Bisogna partire dall’evitare i luoghi chiusi e affollati”, consiglia il pediatra di Caserta, Pietro Falco

“Dobbiamo considerare che i virus si trasmettono con le mani e con la bocca, non certo con l’aria. Quindi, alle mamme, consiglio di evitare luoghi come supermercati e negozi vari, soprattutto se escono con i bambini in questi giorni di shopping natalizio. Meglio fare una passeggiata in strada! Per chi se lo può permettere, poi – ha continuato il pediatra - sarebbe meglio evitare gli asilo nido, anche se, spesso, questo risulta difficile soprattutto per i genitori che lavorano entrambi e magari nelle stesse orare della giornata”.

Sicuramente, per prevenire il virus, è importante procedere ai vaccini, soprattutto per chi, come ad esempio i nonni, è più a rischio e potrebbe trovarsi tra l’altro a contatto con i bambini. 

99bee1d4-640d-43ab-a84d-aca4f3fd2b9b-3


“L’influenza che sta arrivando - aggiunge il medico Falco - porterà raffreddori e gole arrossate, a volte anche colpendo l’intestino. Le prime ore di influenza, conviene affrontarle con gli antipiretici, senza l’assalto agli studi medici dove potrebbe esserci ulteriore pericolo di contagio, poiché troverete di sicuro altri bambini malati; e, oltre ad aggravare le condizioni del proprio figlio, si può correre  il rischio che questo trasmetta il virus a gli altri. È importante restare poi sempre in contatto con il medico e chiedere un suo intervento diretto solo nel caso in cui dopo 48/72 ore la febbre non scende".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna trovata morta nel letto di casa: aveva 40 anni

  • Bimbo morto, i genitori di Diego rompono il silenzio dopo 5 giorni

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio dei contagi: nuovi casi ad Aversa e Castel Volturno

  • Coronavirus, slitta il picco in Campania. "Contagi al massimo tra fine aprile ed inizio maggio"

Torna su
CasertaNews è in caricamento