"Attese lunghissime al Pronto soccorso per i ricoveri. Serve un 'bed manager' in ospedale"

Eliseo (Nursind): "E' l'unico modo per ottimizzare il lavoro ed affrontare l'assenza di personale"

Sovraffollamento e fenomeno di 'boarding' con pazienti che stazionano ore prima di essere ricoverati nelle unità operative. Questa é la triste realtà del Pronto Soccorso dell'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta denunciata dal Nursind (Sindacato delle Professioni Infermieristiche Casertane). 

"La grave carenza di personale medico ed infermieristico rischiano di compromettere la sicurezza delle cure nei confronti dei pazienti" afferma in una nota Antonio Eliseo segretario territoriale del Nursind. L'attuale gestione organizzativa prevede all'interno del Pronto Soccorso un coordinatore, un'infermiera mattiniera, un infermiere capoturno ed altri suddivisi tra Triage, Codici ed il servizio di Osservazione Breve Intensiva (OBI). Quest'ultimo consente che i medici possano provvedere al ricovero o meno del paziente. Purtroppo nel nosocomio casertano questa 'scelta medica' avviene a distanza anche di giorni con l'aggravio per i soli 5 'infermieri jolly' di occuparsi delle prescrizioni mediche e della relativa assistenza sanitaria non appena liberi dal Triage o da qualche codice. Nel mentre il paziente staziona in perenne attesa in Pronto Soccorso. 

La carenza di personale dedicato all'OBI incide sul carico di lavoro del personale infermieristico presente che si barcamenano nei reparti loro assegnati e l'OBI purché il paziente riceva comunque assistenza. "È incomprensibile in un contesto dove la carenza di risorse umane sovraccarichi il personale di turni aggiuntivi per mantenere i Lea - sottolinea Eliseo - che ci si possa permettere di lasciare fuori dal circuito assistenziale personale infermieristico così come oggi accade in quell'unità operativa. Se la Direzione strategica vuole ricercare soluzioni al sovraffollamento di pazienti in Pronto Soccorso deve darsi un'organizzazione del lavoro diversa così come stanno facendo altre aziende ospedaliere che hanno adottato la figura del Bed Manager". 

Il compito di questa innovativa figura è quella di facilitare il ricovero dei pazienti nelle unità di degenza vigilando anche sulle entrate ed uscite dei pazienti e sull'effettiva disponibilità dei posti letto. "La figura del Bed Manager é quella di un professionista all'interno dell'azienda - sottolinea il coordinatore provinciale Eliseo - deputato a monitorare la gestione dei flussi dei pazienti favorendo l'ottimizzazione dei posti letto nell'intera azienda". Una soluzione già adottata dal Cardarelli di Napoli, l'ASL NA 1 centro, il Ruggi di Salerno ed il Moscati di Avellino. 

"I lavoratori stanno prendendo coscienza della loro autonomia professionale e delle loro competenze ormai acclarate - sottolinea il coordinatore del Nursind - sottrarre personale per dedicarlo a vecchi ruoli non risponde alla moderna visione di produrre salute. Occorrebbe far capire questo a chi ancora si ostina a non volerlo fare".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Assalto in stile hollywoodiano in banca: camion bloccano le strade del centro | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento