L'Asl riorganizza e potenzia il servizio per bambini autistici

In campo percorsi abilitativi basati su metodi di trattamento diversificati

Il Direttore Generale dell’Asl di Caserta, Ferdinando Russo, nell’ambito della riorganizzazione e potenziamento del Servizio ABA, Disturbi dello Spettro Autistico, con Delibera n. 82 del 17.01.2020, indice un Bando per la formazione di una short list di Soggetti Erogatori autorizzati alla somministrazione dell’ABA a utenti minori fino al 18° anno di età affetti da autismo e residenti nella Provincia di Caserta. L’ASL Caserta, infatti, ha stabilito di prendere in carico la problematica dell’Autismo attraverso la messa in campo di percorsi abilitativi basati su metodi di trattamento diversificati, età ed espressività sintomatologica correlati, in quanto il Disturbo dello Spettro Autistico (DSA) è un disordine neuropsichiatrico complesso, con esordio nelle prime fasi dello sviluppo, che dura per tutta la vita e che presenta una espressività clinica variabile tra soggetto e soggetto e, per il medesimo soggetto, lungo il corso del tempo.

Sono quattro i Nuclei Territoriali NNPIA (Nucleo di Neuropsichiatria Infantile e Adolescenziale), di recentissima istituzione, che attraverso i PAI (Progetto Assistenziale Individuale), soddisfano le esigenze di personalizzazione sul singolo utente. Per tenere conto della trasformazione continua di questa particolare patologia, il PAI, predisposto dalla equipe di esperti, viene rivisto a scadenza semestrale, e monitorato a cadenza trimestrale. Il disturbo è, infatti, molto complesso: le persone nello spettro autistico presentano, inoltre, frequenti comorbilità neurologiche, psichiatriche e mediche che rendono necessariamente specifiche le strategie di intervento, da declinarsi, sempre, caso per caso. Ancora oggi la ricerca non ha stabilito la precisa eziologia dell’affezione, benché sia indiscussa la multifattorialità delle cause.

Restano tuttavia indiscutibili le imponenti ricadute sulla qualità di vita del soggetto e della sua famiglia che comportano un significativo peso economico ricadente sia sul nucleo famigliare che sul sistema sanitario regionale. Una azienda sanitaria che miri ad aumentare il benessere del cittadino, pertanto, deve arricchire costantemente la sua offerta di prestazioni assistenziali inserendo le terapie più idonee che la ricerca rende via via disponibili. Per tutti questi motivi l'ASL Caserta, muovendosi in uno scenario clinico mondiale di ricerca e sperimentazione, continua a somministrare, nei casi selezionati dai Nuclei territoriali NNPIA, i trattamenti basati sulla metodologia ABA, oltre a offrire ulteriori strategie abilitative a cui l'evidenza clinica attribuisce risultati significativi nel trattamento di soggetti con diagnosi di “Autismo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Camion non si 'accorge' del ponte di Ercole e paralizza il traffico | FOTO

  • Intercettati dai carabinieri sull'Appia, abbandonano il furgone e scappano a piedi

Torna su
CasertaNews è in caricamento