Il dissesto-bis è ufficiale: in 2 votano con la maggioranza

Iarrobino blinda l’assessore Pica: “Spero che resti ancora con noi…”

Il consiglio comunale sul dissesto-bis

Caserta è ufficialmente nel secondo dissesto finanziario. Il consiglio comunale del Capoluogo ha approvato (con 21 voti a favore) la delibera che segue la bocciatura del piano di riequilibrio da parte della Corte dei Conti. 

Al termine di una lunga discussione, coi gruppi di Forza Italia e Speranza per Caserta, che hanno abbandonato l’aula al momento del voto (mentre Enzo Bove Stefano Mariano hanno votato con la maggioranza), l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carlo Marino ha votato la delibera del dissesto-bis che aprirà quindi un altro periodo difficile per i cittadini casertani. Assenti alla discussione ed al momento del voto tre esponenti della maggioranza (Antonio Ciontoli, Mimmo Guida Filippo Mazzarella). 

Da segnalare l’intervento dell’ex candidato sindaco Gianfausto Iarrobino, che ha sottolineato poco prima del voto: “Mi lascia perplesso chi oggi non è presente per assumersi questa responsabilità”. Aggiungendo: “Spero che l’assessore Federico Pica possa accompagnarci fino alla fine di questo percorso. Io mi fido di lui” quasi come a voler blindare la posizione del delegato alle Finanze, che è stato messo in bilico in vista del prossimo rimpasto.

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Il casertano brucia di calore: temperature a 50 gradi

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • Schianto in autostrada: due km di coda

  • Tragedia in spiaggia, muore annegato davanti ai turisti

Torna su
CasertaNews è in caricamento