Un vino prodotto al Belvedere: solo 2 ditte partecipano alla gara

Il bando per la gestione dei vigneti del Pomarello e della Torretta

Il Belvedere di San Leucio

Sono la società agricola Poderi Bosco e l'Ati composta da Il Verro, l'azienda agricola Le Masserie e la Mastio Restauri, le uniche due imprese che hanno partecipato alla gara per la gestione delle storiche vigne del Belvedere di San Leucio.

E' quanto emerge da una determina del dirigente comunale Franco Biondi che ha nominato la commissione che dovrà valutare le offerte economiche ed assegnare la gara. Faranno parte dell'organo comunale di selezione, oltre a Biondi, i funzionari Giovanni De Lucia ed Antonio Quintavalle.

Con la gara si intende affidare in gestione, per 15 anni, le due vigne già nel ‘700 denominate “Vigna del Pomarello” e Vigna della Torretta”. Queste ultime erano ubicate negli spazi antistanti il Palazzo, ai lati dello Scalone Reale, disposte su terrazzamenti. Come risulta dalle fonti storiche, nella Vigna della Torretta, in particolare, erano coltivati la lagrima rossa, l’aliatico rosso e l’aglianica, mentre nella vigna del Pomarello erano impiantate uve bianche vernotiche. L'obiettivo è il recupero e la commercializzazione di un vino che rechi il brand Caserta.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

Torna su
CasertaNews è in caricamento