La villa confiscata al cugino del boss affidata ad Agrorinasce

Il consorzio la utilizzerà per finalità sociali per i prossimi 20 anni

Una casa confiscata alla criminalità affidata ad Agrorinasce: ospiterà una struttura destinata a finalità sociali. La giunta di Villa Literno, guidata dal sindaco Nicola Tamburrino, ha dato il via libera all’affidamento dell’immobile confiscato a Gaetano Tavoletta, cugino del defunto boss Pasquale Tavoletta, alla società consortile Agrorinasce per un comodato d’uso di ben 20 anni. 

La villa con due corpi di fabbrica e un terreno di 1,05 are si trova in via dei Mille, ha un valore di 1,5 milioni di euro e fu confiscata dalla Dia di Napoli in esecuzione di un provvedimento emesso dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gaetano Tavoletta è il cugino dell’ex boss Pasquale, ucciso nel 1989 dal cognato Adolfo Ucciero nel pieno della faida tra clan. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • Sorpreso con la motosega nel bosco, sequestrati 40 quintali di legna | FOTO

  • Sparatoria alla Bnl, fermata la banda di rapinatori

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Mamma e figlio di nuovo positivi al coronavirus dopo essere guariti

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

Torna su
CasertaNews è in caricamento