La villa confiscata al cugino del boss affidata ad Agrorinasce

Il consorzio la utilizzerà per finalità sociali per i prossimi 20 anni

Una casa confiscata alla criminalità affidata ad Agrorinasce: ospiterà una struttura destinata a finalità sociali. La giunta di Villa Literno, guidata dal sindaco Nicola Tamburrino, ha dato il via libera all’affidamento dell’immobile confiscato a Gaetano Tavoletta, cugino del defunto boss Pasquale Tavoletta, alla società consortile Agrorinasce per un comodato d’uso di ben 20 anni. 

La villa con due corpi di fabbrica e un terreno di 1,05 are si trova in via dei Mille, ha un valore di 1,5 milioni di euro e fu confiscata dalla Dia di Napoli in esecuzione di un provvedimento emesso dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere. 

Gaetano Tavoletta è il cugino dell’ex boss Pasquale, ucciso nel 1989 dal cognato Adolfo Ucciero nel pieno della faida tra clan. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento