Eternit e rifiuti nel palazzo, blitz del Comune dopo la denuncia dei vicini

Ordinanza del sindaco contro la proprietaria per rimuovere la tettoia

Un immobile che versa “in stato di assoluto abbandono”, senza alcuna manutenzione e soprattutto con una “tettoia con copertura in eternit fratturata in più punti ed in pessimo stato di conservazione, che rappresenta un rischio potenziale di rilascio di fibre in amianto”.

È dalla denuncia dei vicini di casa che il Comune di Orta ha scoperto, dopo un sopralluogo, la situazione di pericolo ambientale in via Martiri Atellani. I quattro denunciati, tutti residenti al confine con l’immobile pericoloso, hanno infatti chiesto l’intervento dell’Ente per risolvere la questione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune, rintracciata la proprietaria dell’immobile e appurato che “non ha posto in essere alcun atto finalizzato alla rimozione dei rifiuti e alla bonifica dell’area”, ha emesso tramite il sindaco Andrea Villano un’ordinanza di rimozione dei rifiuti abbandonati entro 30 giorni. In caso di mancato osservazione della disposizione, la proprietaria R.R. rischia una multa da 25 a 500 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento